AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Netflix, stretta su film e serie tv ‘straniere’

Netflix-streaming

ROMA – 190 Paesi e altrettante regole di trasmissione con diritti e licenze sui contenuti. Le trasmissioni Netflix non ammetteranno deroghe al riguardo, abbonandosi ai servizi della web Tv si potranno visionare solo film e serie TV in programma nel proprio paese di appartenenza.

È questa la stretta annunciata da David Fullagar, vice presidente della Content Delivery Architecture di Netflix. Guerra aperta, quindi, ai furbetti dello streaming, agli smanettoni della rete. Inutile qualunque ricorso ai server proxi e alle rete private virtuali, quelle, per intenderci, che consentono di collegarsi a server ‘esteri’ fingendo di risiedere altrove. In questo modo è possibile visionare programmi che nel proprio paese, vuoi per una questione di diritti, vuoi per altri divieti di tipo censorio, non sono visibili.

“Se tutti i nostri contenuti fossero disponibili a livello globale, ha dichiarato Fullagar, gli abbonati non avrebbero motivo di usare proxy o ‘unblocker’ per far credere ai nostri sistemi di essere in un Paese diverso da quello in cui si trovano”. “Col tempo prevediamo di poter offrire gli stessi programmi TV e film ovunque”, prosegue, ma “per il momento, data la prassi consolidata della concessione di licenze in base all’area geografica, i contenuti che offriamo differiscono da un’area all’altra, in misura più o meno significativa. In attesa di raggiungere il nostro obiettivo, continueremo a rispettare e applicare le licenze dei contenuti in base all’area geografica”.

18 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988