Campania

Studenti contestano ministro Giannini: “Parli con noi, non con imprenditori”

NAPOLI – A Napoli una delegazione di studenti ha contestato l’arrivo del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, in città per il lancio del libro “Il Bivio, sogni e speranze dei giovani italiani in tempo di crisi” di Angelo Bruscino, imprenditore della green economy e Presidente Nazionale dei Giovani di Confapi.
Gli studenti, assiepati sotto la sede dello storico Circolo Artistico di piazza Trieste e Trento, armati di megafoni e sfottò, hanno contestato al Ministro la scelta di parlare di giovani e di istruzione con un imprenditore, seppur giovane come Bruscino, e non direttamente con loro.
I ragazzi, tutti studenti medi e universitari, sono stati arginati da un folto gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa. In defintiva, il sit in pacifico non ha comunque destato alcuna preoccupazione di sorta per l’ordine pubblico.

angelo_bruscino“Il futuro dei nostri giovani e’ estremamente legato alla formazione che riceveranno nel nostro sistema scolastico ed universitario – afferma nel corso della presentazione l’autore del volume, Angelo Bruscino– nell’era dell’economia della conoscenza, la differenza verra’ fatta soprattutto da quanto sapremo approfondire i temi dell’innovazione e della creativita’. Per questa ragione e’ necessario che l’Italia usi tutti gli strumenti possibili nel tentativo di creare una generazione di cittadini del mondo che mantengano le loro radici e la loro capacita’ di essere uomini e donne del fare qui nello stivale”.
“Dobbiamo ritornare – conclude l’autore – ad essere importatori di giovani menti e non solo esportatoti come accaduto negli ultimi anni, questo il nostro Bivio, la nostra vera sfida”.

Il testo è sostanzialmente un’istantanea di storie, sogni e speranze dei giovani italiani che oggi vivono e si barcamenano tra numerose incertezze, tra crisi economica e sociale, tassi di disoccupazione – soprattutto giovanile – mai toccati prima e una visione del futuro che sembra piu’ nera del passato.

17 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»