Martedì si festeggiano i 60 anni dell’Iss, da qualche anno “sotto attacco”

SAN MARINO – “Da qualche anno è in corso un attacco all’Iss teso a diminuire i servizi e la tutela della salute dei sammarinesi”. A dirlo è il presidente del Partito socialista, Alessandro Bevitori, intervenuto durante la conferenza stampa con cui questa mattina è stata presentato l’evento del 22 dicembre prossimo, quando alla sala Montelupo di Domagnano andrà in scena la celebrazione del 60° anniversario dall’approvazione della legge istitutiva della struttura, avvenuta nel 1955.

iss_san marinoAl suo fianco ci sono il coordinatore di Sinistra unita, Vanessa D’Ambrosio, e il segretario di Psd, Marina Lazzarini, nelle vesti di padrona di casa per la descrizione di quella che viene definitiva “la prima iniziativa pubblica del tavolo riformista al quale le nostre tre sigle politiche appartengono”. I partiti coinvolti, spiega dalla sede del Psd, “da inizio dicembre hanno iniziato la seconda fase di questo percorso di aggregazione dell’area di sinistra”, puntando a quella che potrebbe diventare la “formazione di un nuovo soggetto politico”.

Attualmente, guardando al parlamento, il partito di via Rovellino siede fra le fila della coalizione di governo, mentre il Partito socialista e Sinistra unita sono all’opposizione, anche se con posizioni diverse alla luce del ‘patto di legislatura’ del garofano rosso. Che negli ultimi tempi, però, è stato incrinato dallo scetticismo mostrato dalla coalizione di governo rispetto ai suoi emendamenti alla Finanziaria 2016. Se dentro a Palazzo Pubblico restano separate, fuori dalle sue mura le tre sigle lavorano comunque insieme e pensano “a come incidere nella prossima legislatura”, spiega Bevitori. “In questo momento- interviene dopo di lui Lazzarini- abbiamo deciso di elaborare una base comune e linee condivise con cui, successivamente, aprirci per presentarci alle altre forze politiche e ai cittadini”.

Entrando nel merito della serata del 22 dicembre, D’Ambrosio ricorda che “l’Iss ha rappresentato una conquista del governo delle sinistre” ed elenca i protagonisti che interverranno dalle ore 18 in poi a Domagnano: Giuseppe Maiani, capitano reggente al momento dell’approvazione della legge, Massimo Rossini, ex segretario di Stato alla Sanità, Andrea Gualtieri, attuale numero uno dell’Authority sanitaria, Simone Rossini, uno dei primi farmacisti coinvolti nell’iniziativa, e l’ex capo di Stato Antonio Carattoni. Prima di loro, che saranno al centro di una tavola rotonda, ci saranno le letture di documenti dell’epoca e gli interventi del trio che oggi ha presentato l’iniziativa.

17 Dic 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»