Rifiuti, lo scontro continua: per Salvini servono i termovalorizzatori, Di Maio: “Tema non in contratto”

Continua il botta e risposta sulla questione rifiuti in Campania. Il tema al centro di una crisi nel Governo gialloverde.

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono stato a Napoli. Le imprese campane pagano lo smaltimento dei rifiuti come lo pagano i milanesi e i romani. E allora non capisco perche’ quello che accade in Italia e in tutto il mondo non deve valere a Napoli e in Campania. Quasi ovunque i rifiuti significano ricchezza, non devastazione della salute”. Lo dice il vicepremier Matteo Salvini parlando all’assemblea della Cna di Milano. “Bisogna avere il coraggio- aggiunge- di spiegare che per il nostro business non possiamo far finta di niente. Ho visitato dei termovalorizzatori che sono dei modelli anche culturali. I rifiuti vanno smaltiti producendo energia e ricchezza, non roghi tossici che ammalano e ammazzano”.

LA REPLICA DI DI MAIO

Salvini alimenta le tensioni per diventare premier? “Credo che quando si sa che due forze politiche hanno idee diverse non è un problema, anche quando lo si dice. L’importante è sapere che cosa c’è nel contratto e non serve creare tensioni inutili quando una cosa non è nel contratto e quindi il problema non si pone”. Lo dice il vice premier Luigi Di Maio, in diretta Facebook da Milano arrivando a Vivite. E aggiunge che “gli inceneritori non sono nel contratto e se parliamo di inceneritori in Campania c’è già uno dei più grandi in Europa. Bisogna accelerare ancora di più sulla raccolta differenziata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»