Tim, Di Maio: “Serve un player unico, connessione a tutti gli italiani”

Ieri Emiliano Fenu (M5s) ha depositato in commissione finanze al Senato un emendamento per l’integrazione tra le reti di Tim e di Open Fiber.

Condividi l’articolo:

ROMA – “Noi siamo impegnati a creare un player unico della connettività in Italia. Quello che succede in Tim è un’operazione di mercato quindi noi non interferiamo”. Lo dice Luigi Di Maio, in diretta Facebook da Milano osservando che “la nostra ambizione è creare un player unico che consenta di far arrivare la connessione a tutti gli italiani”.

EMENDAMENTO RELATORE PER RETE UNICA TIM-OPEN FIBER

Il relatore del decreto fiscale Emiliano Fenu (M5s) ieri ha depositato in commissione finanze al Senato un emendamento per l’integrazione tra le reti di Tim e di Open Fiber.

Per incentivare l’aggregazione, l’Agcom “determina adeguati meccanismi incentivanti di remunerazione del capitale investito. Tali meccanismi sono determinati anche tenendo conto del costo storico degli investimenti effettuati in relazione alle reti di accesso trasferite; della forza lavoro dell’impresa separata, ossia degli impatti dell’operazione di aggregazione in termini occupazionali e delle migliori pratiche regolatore europee e nazionali adottate in altri servizi e industrie a rete”, si legge nella relazione illustrativa all’emendamento su Tim-Open Fiber depositato in commissione Finanze dal relatore del decreto fiscale.

Leggi anche:

17 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»