Lazio

Camion bar, Meloni: “Mai più al Colosseo, via da tutto il centro”

camion-barROMA – I camion bar non torneranno più al Colosseo. Anzi, la direttiva Bolkestein porterà “per sempre” le postazioni fuori dall’area archeologica del Centro storico e libererà anche Pantheon e Fontana di Trevi. Una rivoluzione che sta portando avanti il Tavolo per il decoro, la struttura a cui siedono le Soprintendenze statali e il Comune di Roma e che a luglio del 2015, ai tempi di Marino, ha allontanato i primi 22 camion bar dai luoghi di pregio nel cuore di Roma. Oggi, a portare avanti il piano è Adriano Meloni, assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro della Giunta Raggi. Intervistato dall’agenzia Dire, Meloni spiega le prossime tappe e allontana ogni dubbio sulla volontà di intervenire per “regolamentare il settore una volta per tutte”.

– Assessore, a breve scadrà l’ordinanza che tiene i camion bar lontani da Colosseo e Fori Imperiali. La rinnoverete?

Quando questi spostamenti scadranno, a gennaio, verranno rinnovati. Il divieto per i 22 camion bar già allontanati verrà prorogato fino a luglio, poi scatterà la direttiva Bolkestein a cui questi spostamenti verranno allineati.

– Può scandire le tappe del percorso?

A febbraio usciranno i bandi della Bolkestein. Le licenze decadranno tra maggio e luglio, quando la direttiva entrerà in vigore. Quindi, gli spostamenti già effettuati e prorogati verranno allineati con queste scadenze. Nel frattempo, lavoriamo su una norma per il decoro che riesca a regolamentarli una volta per tutte, perché molto spesso si fanno ordinanze temporanee che bisogna rinnovare ogni sei mesi. Non è un metodo coerente, perché ogni volta si devono sempre rincorrere le scadenze delle ordinanze, che tra l’altro non si possono rinnovare mille volte. È uno strumento adatto a problemi urgenti e contingenti, ma non è un modo per regolamentare un settore a lungo termine. Va affrontato un problema di fondo: che cosa vogliamo fare con i camion bar? Stiamo lavorando su questo e, spostando la scadenza dell’ordinanza a luglio, abbiamo più tempo.

– I camion bar dunque non torneranno al Colosseo?

No, non torneranno più al Colosseo. L’obiettivo del lavoro che stiamo facendo è proprio quello di sistemarli per sempre fuori dall’area archeologica del Centro storico di Roma, che è anche l’unico posto dove hanno un ritorno economico. Quindi, se si tolgono da lì, si tolgono in generale.

– Quante postazioni riguarderà questa rivoluzione?

Non solo le 22 già spostate, per cui ora prorogheremo l’ordinanza fino all’attuazione della Bolkestein, ma il Tavolo sul decoro sta affrontando tutto il resto. Con la Soprintendenza stiamo lavorando anche sul Tridente, il Pantheon e Fontana di Trevi. In generale, toglieremo gli ambulanti – non solo camion bar – anche da piazza dei Cinquecento e dalla stazione Termini.

– Dove andranno quando scatterà il divieto per queste aree?

All’interno del lavoro che stanno svolgendo in vista della direttiva Bolkestein, i Municipi, insieme ai Vigili e alla Soprintendenza, stanno lavorando sui luoghi dove non possono esserci le postazioni. Questo piano determinerà anche dove potranno essere ubicati i camion bar. Del resto, è questo il grande lavoro che stiamo facendo sulla Bolkestein. Ora abbiamo anche cambiato direttore del dipartimento, c’è Luigi Maggio che ha preso in mano tutto per terminare questo percorso. Sarete contenti del risultato.

di Nicoletta Di Placido

17 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»