Patria delle start up, e arriva un fondo

“Con la crisi economica è cambiato il modo in cui la domanda e l’offerta di lavoro si incontrano. I nostri genitori dovevano trovarsi un lavoro, noi dovevamo cercare un lavoro, i nostri figli dovranno inventarselo. Dunque dobbiamo adeguare i nostri strumenti e offrire condizioni ai cittadini che vogliono inventarsi un lavoro. Garanzia Giovani e Nuove imprese a tasso zero, che partirà il 13 gennaio 2016, sono le prime risposte coerenti che diamo in questo senso”. Così Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, presente stamani a Napoli per la due giorni dedicata alla presentazione di “Giovani per il Mezzogiorno-Le attività del Piano di Azione e Coesione”.

Alla Campania spetta il primato di regione con il maggior numero di imprese in start up. Un dato sintomatico questo per Arcuri che evidenzia quanto il Meridione d’Italia sia un tessuto fertile dove coltivare “sviluppo e crescita” culturale ed economica. Bene quindi misure come Garanzia Giovani che domani si accresce di una novità: il sostegno all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità.
Il supporto arriverà attraverso la costituzione di un Fondo dedicato la cui gestione operativa, a seguito di uno specifico accordo, verrà affidata ad Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa. La nuova iniziativa – solo accennata da Arcuri a Napoli – sarà presentata domani a Roma nel corso di una conferenza stampa presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

giovani

17 Novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»