Fratoianni: “Salvini non salirà a bordo di Mediterranea”

ROMA – “Mediterranea ha raccolto quasi 200mila euro. 165 mila euro ad oggi dalla piattaforma di crowdfunding. E’ il segno di una straordinaria mobilitazione solidale e di un paese che non si rassegna“, dice Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana al cronista della Dire che lo interpella sulla missione della nave messa in mare da un ‘cartello’ solidale formato da Associazioni, Ong, movimenti e partiti come Sinistra Italiana-Leu. La nave ha appena concluso la sua prima missione. “E’ in corso uno scalo tecnico- dice Fratoianni- presto ripartirà perchè è il segno che c’è un paese che non si rassegna . Mediterranea è fino ad oggi un grande successo. E lo sarà anche nei prossimi mesi”.

Ma immaginate di invitare a bordo, prima o poi, anche il ministro Salvini? Fratoianni lo esclude perentoriamente. “Gli spazi a bordo di una nave non sono illimitati. C’è bisogno di persone che non solo sappiano starci sopra, ma che siano utili a fare cose di cui quella nave ha bisogno. La xenofobia di Salvini non è utile a Mediterranea“.

Leggi anche:

17 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»