AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

A Pontida parla Giovanni Toti: “Rapporto malato politica-magistrati, lo cambieremo”

ROMA – Oggi a Pontida si tiene la tradizionale festa del Carroccio. Per la Lega e Ncs parlerà Matteo Salvini. Prima di lui i tre governatori Luca Zaia per il Veneto, Giovanni Toti per la Liguria e Roberto Maroni per la Lombardia. Orario di inizio le 10.30. Il programma è stato definito dopo i recenti fatti di cronaca che hanno visto il sequestro cautelativo dei conti della Lega su ordine del tribunale di Genova.

TOTI: “RIFORMEREMO PER SEMPRE RAPPORTO POLITICA-MAGISTRATI”

“Io non credo che sequestrare dei soldi di militanti elettori e dirigenti sia la strada giusta per rendere migliore la nostra società e la nostra politica. Ma sono altrettanto sicuro che questo non fermerà il vostro impegno e la vostra determinazione”, dice Giovanni Toti, presidente della Liguria, prendendo la parola a Pontida. Toti è il solo esponente di Forza Italia ad essere stato invitato e a prendere la parola al raduno leghista.

“Dobbiamo dircelo oggi a pochi mesi dal ritorno al governo. Per venti anni– dice Toti dal palco- politica e giustizia si sono intrecciate in modo malato in questo paese. L’ultimo governo Berlusconi è caduto anche per questo. Non potrà esserci un nuovo governo di centrodestra che non prenda in mano la situazione e riformi una volta per sempre i rapporti tra politica e magistratura”.

TOTI: MURI ALLE FRONTIERE, PONTI TRA ELETTORI CENTRODESTRA

“Dobbiamo costruire ponti tra di noi. I muri li dobbiamo costruire alle frontiere. Tra i nostri elettori dobbiamo costruire ponti di comprensione e di dialogo”, dice ancora Toti dal palco di Pontida. “Quando vado in giro- aggiunge- vedo tante bandiere ma ascolto un solo grido: mandateli a casa perchè stiamo stufi”.

LEGGI ANCHE:

Lega, Salvini: “Procura Genova ci blocca i conti, vogliono distruggerci”. Renzi: “Hanno rubato”

17 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988