Lazio

I Municipi di Roma, candidati presidenti a confronto /VIDEO

elezioni-comunali

I candidati presidente di cinque municipi di Roma, raccontano come vorrebbero il loro territorio all’agenzia DIRE. Ecco i video confronti.

 

Municipio I Alfonsi-Campanini

Ripartire da dove si era interrotto il lavoro. Con due milioni e mezzo da spendere per l’edilizia scolastica in 4 istituti romani dove stanno per iniziare i lavori. Questo l’obiettivo di Sabrina Alfonsi, presidente uscente del I Municipio, in vista del ballottaggio del 19 giugno. Alfonsi parla delle cose da fare e delle cose fatte. Dei progetti per il centro storico, ad esempio, come l’estensione delle zone pedonali o la rivisitazione del piano di occupazione del suolo pubblico per la questione dei tavolini all’aperto. Sugli ambulanti Alfonsi ricorda, poi, come la direttiva Bolkestein “ci consentirà di togliere alcune bancarelle dalle strade”. “Ci sono cose iniziate che non vogliamo lasciare a metà- ha concluso Alfonsi- abbiamo governato per metà mandato. Tra queste c’è il tema dei rifiuti. C’è stato un miglioramento ma restano alcune zone in sofferenza tra cui Prati”.

 

 

Mappatura degli scivoli per disabili del territorio e dalla lotta alla desertificazione delle imprese commerciali, delle botteghe artigianali e dei negozi di vicinato. Il programma di Giusi Campanini, candidata alla presidenza del I Municipio per il Movimento 5 Stelle parte da questo. E dal grande tema delle pedonalizzazioni del centro, a partire dal rione Monti dove la sfidante di Sabrina Alfonsi vive. “Monti, come altri rioni di Roma- spiega Campanini- ha una struttura urbanistica per cui non si può prescindere dal pensiero di pedonalizzare, ridurre il parcheggio e il transito delle auto. Io poi ho partecipato alla battaglia per la pedonalizzazione di via Urbana”, strada indicata dalla candidata a sindaco Virginia Raggi come la prima ad essere pedonalizzata in caso di vittoria. Tra le altre idee di Campanini ecco i nuovi piani di massima occupabilità e obbligo per i bus turistici a restare fuori dalle mura Aureliane.

Municipio II Del Bello-Fois

“Riaprire il parco di villa Massimo e assegnare il chiosco del bar del parco Nemorense, questioni molto sentite dai cittadini che vanno risolte nell’immediato. E poi cura al decoro e ai marciapiedi. Infine abbattimento della tangenziale”. Queste le priorità di Francesca Del Bello, candidata al II Municipio per il centrosinistra.
Tra le priorità della candidata anche lo sviluppo urbanistico del Municipio, che va dai Parioli a San Lorenzo. Sulla tangenziale est Del Bello ha le idee chiare: abbattimento e no agli orti urbani: “Ci sono i finanziamenti e solo con l’abbattimento si può pensare alla riqualificazione di quello spazio”.


Aggredire le criticità del quartiere, dalla cattiva manutenzione delle strade, dei marciapiedi e dei parchi, “oggi invasi dal degrado assoluto, da erba alta e sporcizia”, alla movida che caratterizza alcune zone del Municipio.  Saranno queste le priorità di Fabio Fois, candidato alla presidenza del II Municipio per il Movimento 5 Stelle. La ricetta di Fois parte dal “controllare lo stato economico del Municipio e da uno screening degli appalti per verificare che tutti siano stati assegnati in modo corretto”.

Municipio V Rosi-Boccuzzi

Alessandro Rosi, non appena si insedierà al Municipio farà “ripartire il sistema della manutenzione del sistema degli spazi pubblici”, quindi “strade, parchi e aree pubbliche in generale”. Chiede ai cittadini il voto perché  “i grllini non hanno consapevolezza della macchina amministrativa”, parlano di principi “ma non prospettano soluzioni e noi in questo vogliamo differenziarci”. Infine, per governare al meglio “serve un decentramento che dia maggiori poteri ai Municipi”.


Partire dalla riapertura del cinema Aquila per arrivare alla sicurezza di Pigneto, Tor Sapienza e Tor Pignattara, attraverso un tavolo con cittadini e forze dell’ordine. E’ un programma “che va oltre i primi 100 giorni” quello di Giovanni Boccuzzi, candidato del Movimento 5 Stelle per il V Municipio. Al centro delle idee di Boccuzzi c’è anche il grande progetto di riqualificazione del vallo ferroviario del Pigneto legato ai lavori della stazione di collegamento tra linea C e ferrovie regionali. “Ci stiamo ragionando- spiega Boccuzzi- vorremmo creare un’area pedonale e verde. Mentre farci passare il trenino Centocelle-Prenestina sarebbe ancora un elemento divisorio”. Per risolvere l’eterno problema dei campi nomadi presenti nel Municipio Boccuzzi parla di chiusura verificando che “questa porti un beneficio ai cittadini e ai rom”.

Municipio VIII Marocchi-Pace

Per Anna Rita Marocchi il primo passo da presidente sarà “una grande assemblea pubblica con i cittadini”, per condividere “i primi tre atti importanti saranno contro degrado, abusivismo commerciale e poi il piano regolatore sociale”. Marocchi vuole “migliorare il rapporto con le società di servizi, in particolare Ama”. Chiede a cittadini di votarla perché “conosco il territorio e ho le competenze e le professionalità per iniziare a lavorare già dal 20 giugno” e perché “la democrazia non può essere spenta con un click”.


“Verificare la situazione contabile, gli atti e gli appalti”, oltre che “la riorganizzazione dell’apparato amministrativo e del personale”. Sono questi i primi provvedimenti che Paolo Pace, candidato M5S, metterà in atto da presidente del Municipio. Pace chiede di essere eletto perchè “il vecchio lo conosciamo già e il degrado di questo territorio è ciò che ci ha lasciato in questi anni”.

Municipio IX Santoro-D’Innocenti

Per Andrea Santoro, candidato del centrosinistra, se rieletto “il primo atto sarà pulire e bonificare tutte le aree verdi del Municipio”. Poi la priorità sarà la “necessità di attuare il decentramento ai Municipi”. Perché votare il centrosinistra? “Noi ci metteremmo subito al lavoro, il M5S ci metterebbe un anno e mezzo solo per capire come muoversi”.

 

Per Dario D’Innocenti, Movimento Cinque Stelle, che, fa sapere, ha speso “solo 50 euro per la campagna elettorale”, la prima cosa da fare è “ascoltare i dipendenti del Municipio e aprire i cassetti”, mentre le priorità sono “decoro, trasporti e sicurezza”. Invita a votare Cinque Stelle per “premiare chi vuole tentare di cambiare e per un Municipio più partecipato”.

 

17 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»