Lazio

Scuola. Maturità, gli studenti del Tasso: “Tacito? Ce lo aspettavamo”

ROMA –  “E’ uscito Tacito e me lo aspettavo perche’ era nel toto versioni, ma anche se e’ un autore molto complesso il brano proposto non era dei piu’ difficili”. A raccontarlo a Diregiovani.it e’ Margherita, studentessa del liceo Tasso di Roma e una delle prime della scuola a terminare la seconda prova.
Meno soddisfatto, Pietro: “Ho passato tutta la giornata di ieri pregando perche’ non uscisse Tacito e poi eccolo puntuale all’appello. Un inferno, ma alla fine, anche grazie all’aiuto del vocabolario in qualche modo mi sono orientato e sono riuscito a finire prima del tempo”.
Al liceo scientifico Righi due problemi. Il primo di carattere pratico, a conferma della ‘maturita’ del problem solving’: date le tariffe di un operatore telefonico in roaming, bisogna individuare l’andamento della spesa telefonica in base ai minuti di chiamate. Il secondo, una funzione da risolvere: “Una prova completamente inedita- ha detto Federico- anche se era stata annunciata e provata nelle simulazioni fatte in classe. I quesiti invece erano dieci e ne dovevi fare per forza cinque, il livello era di molto superiore alle esercitazioni fatte in classe, erano molto difficili”. Poco dopo esce Giorgio: “Ho impiegato cinque delle sei ore disponibili avendo anche il tempo di ricontrollare, secondo me era abbastanza difficile come seconda prova, ma fattibile. Il nuovo ordinamento permette di prendere 14 punti anche totalizzando un risultato di 8,5 fra problema e quesiti. Speriamo bene”.
17 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»