‘La schiena va a scuola’: Aifi Lombardia premia i ragazzi

Il progetto è un'opera di prevenzione rivolta ai bambini e ai ragazzi della scuola primaria e secondaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lo stelo di un fiore rigoglioso composto da tante piccole vertebre allineate e disegnate in modo da farle sembrare faccine sorridenti. E’ così che i piccoli studenti della I A dell’Istituto Comprensivo Cesare Zonca di Treviolo (Bergamo), immaginano una schiena in salute grazie ai consigli per iniziare a prendersi cura della loro colonna, in particolare sui banchi di scuola. Un’immagine che al primo sguardo fa capire quanto sia necessario offrire ai ragazzi informazioni utili e semplici suggerimenti per proteggere l’evoluzione scheletrica nella maniera più corretta, altrimenti si corre il rischio di veder appassire la pianta.

Il disegno si è aggiudicato il primo premio del concorso legato al progetto ‘La schiena va a scuola – Prime regole per rispettarla’, messo a punto anche nell’anno scolastico 2018/2019 dall’Associazione italiana fisioterapisti (AIFI) come opera di prevenzione rivolta ai bambini e ai ragazzi della scuola primaria e secondaria: ovvero proprio la fascia d’età strategica per preparare la schiena alle prove più impegnative che ogni adulto dovrà progressivamente e inevitabilmente affrontare con la crescita e l’invecchiamento. Questa mattina la festa finale con la premiazione nella scuola di Treviolo. “Obiettivo centrato”, ha commentato la fisioterapista di AIFI, Silvia Corna, che ha accompagnato la classe nel viaggio alla scoperta della colonna vertebrale.

“I ragazzi hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa e si sono dimostrati da subito molto interessati a imparare e a trasferire su carta tutte le informazioni ricevute. Devo ammettere che è stato un lavoro gratificante“. Reso possibile “grazie alla collaborazione con la scuola e in particolare con i docenti” che hanno appoggiato il progetto, come la professoressa Paola Mattarello. L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Lombardia, è stata possibile grazie alla costituzione di un gruppo di fisioterapisti con specifica formazione, messo poi a disposizione degli istituti scolastici della regione con una serie di incontri formativi nelle classi durante l’anno scolastico, in cui insegnare agli studenti come monitorare lo stato di salute della propria colonna vertebrale. Tra tutti gli istituti scolastici del territorio che AIFI Lombardia ha contattato per estendere l’iniziativa, hanno risposto all’appello una dozzina di plessi e sono stati coinvolti circa 1.300 ragazzi. Per verificare e stimolare la capacità di recepimento dei ragazzi, al termine degli incontri in classe è stato indetto un miniconcorso per la realizzazione di un cartellone con alcune caratteristiche per valorizzare i temi in modo artistico e fantasioso. Quest’anno per la prima volta le classi hanno potuto anche sperimentare nuove forme di espressione, come poesie, elaborati, brevi video realizzati con gli insegnanti. Circa un centinaio gli elaborati sottoposti all’esame della giuria, composta dallo staff del progetto e guidata dal presidente di AIFI Lombardia, Gianluca Rossi.

Tre le classi vincitrici dell’edizione 2018/2019:

– Prima classificata – classe I A, Istituto Comprensivo Cesare Zonca di Treviolo (Bergamo), seguita dalla fisioterapista Silvia Corna.

– Seconda classificata – classe I D, Istituto Comprensivo Quarenghi di Milano, seguita dalla fisioterapista Linda Cappo.

– Terza classificata – classe I A, Istituto Comprensivo Cardinal Ferrari di Cantù (Como), seguita dal fisioterapista Flavio Cova.

I premi sono stati così suddivisi:

a ogni bambino della classe vincitrice saranno consegnati delle cartelle-leggio per studiare mantenendo una postura ergonomica e un braccialetto-chiavetta usb con all’interno il materiale del progetto; la seconda classificata vince un kit sportivo che comprende 4 hula hoop, 4 corde per saltare, 4 fresbee, 2 palloni da calcio, 2 da pallavolo e 1 da basket; infine, la terza classificata si aggiudica 3 giochi in scatola che stimolano il movimento e l’equilibrio, come Dama gigante, Jenga gigante e Twister.

“La scuola, intesa come istituzione al servizio delle ragazze e dei ragazzi che saranno il futuro della nostra società, anche attraverso questa iniziativa promossa dal’Associazione italiana fisioterapisti assolve al proprio compito”, ha spiegato il presidente di AIFI Lombardia, Gianluca Rossi.

“La prevenzione della salute attraverso i corretti stili di vita, tra cui includiamo l’attenzione alle corrette posture e ai corretti carichi sulla colonna vertebrale, è da diffondere tra gli adolescenti che devono imparare a rispettare il proprio corpo”. L’auspicio per il futuro, ha aggiunto Corna, è che su questi temi “ci sia collaborazione tra le scuole e l’AIFI, ad esempio sui consigli per l’acquisto di mobili ergonomici, ma anche con i genitori. Durante le lezioni, infatti, insegno due semplici test (Triangolo della taglia e Test di Adams) che i bambini possono fare con i genitori per capire come sta la loro colonna. Sarebbe un primo passo verso una maggiore consapevolezza per tutelare la salute”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»