Macron alla Ue: "Contesto è di guerra civile europea, no a Stati nazionalisti"

Europa

Macron alla Ue: “Contesto è di guerra civile europea, no a Stati nazionalisti”

ROMA – “Siamo in un contesto di guerra civile europea. Dobbiamo combattere contro l’autoritarismo che dilaga in Europa e riaffermare l’autorità della democrazia”: lo ha dichiarato al Parlamento europeo oggi a Strasburgo il presidente francese Emmanuel Macron. Macron si è riferito ad alcuni Stati in Europa fortemente nazionalisti con tratti autoritari che hanno ceduto ad un “fascino illiberale contro cui dobbiamo combattere”.

“USA ALLEATI UE, MA SI PRENDANO PROPRIE RESPONSABILITÀ”

I nostri alleati, anche più prossimi, come gli Stati Uniti di Trump, oggi cedono di fronte alle proprie responsabilità: stanno facendo un passo indietro sulla lotta al cambiamento climatico e alla libertà commerciale tra Paesi, per fare qualche esempio”: lo ha dichiarato oggi Macron, ospite per un dibattito in plenaria al Parlamento europeo.

Macron ha ribadito che è necessario innovare e difendere il concetto di democrazia in Europa, contro l’autoritarismo che sta dilagando in Europa.

SIRIA, “DIALOGO CON TUTTI I BELLIGERANTI, ANCHE CON ASSAD”

La Francia “porterà avanti un’opera diplomatico-militare e umanitaria in Siria”. Lo ha ribadito oggi Macron, sottolineando che la Francia “investirà 50 milioni di euro per ong sul territorio siriano in modo tale da fornire aiuti umanitari alla popolazione civile”. Inoltre, il presidente ha dichiarato che il suo Paese cercherà un dialogo con tutte le fazioni della guerra siriana, anche con il governo di Assad. “L’obiettivo – ha detto Macron – deve essere quello di rimettere in piedi il Paese”.

CLIMA, “CREARE BUDGET EUROPEO PER POLITICHE ENERGETICHE”

“La Francia è disposta a contribuire finanziariamente e politicamente per creare un bilancio europeo di risorse proprie per finanziare politiche per la lotta al cambiamento climatico e investire in politiche energetiche”, ha detto ancora il presidente francese Macron parlando a Strasburgo.

Secondo Macron, sarà necessario imporre una tassazione europea, come per esempio nell’ambito del digitale. “L’Europa – ha detto il presidente – deve rafforzare e affermare la propria sovranità economica e commerciale”. Tra le proposte concrete in questo ambito, il presidente ha richiesto di aprire un dibattito sul prezzo di base del carbonio.

MIGRANTI, “SUPERARE DUBLINO, VINCA LA SOLIDARIETÀ”

Il presidente francese Macron ha dichiarato che sarà importante fare dei passi in avanti sulla questione migratoria, “superando il regolamento di Dublino”, e “ridiscutere il principio di ridistribuzione dei migranti per tutta Europa“. “Solidarietà interna ed esterna” commenta Macron. “Bisogna creare un programma europeo che sostenga finanziariamente le collettività locali che si occupano accoglienza per i migranti”.

“EMANCIPIAMO AFRICA, SOSTEGNO A ‘PIANO MARSHALL'”

“L’immigrazione non si può risolvere a livello nazionale. Bisogna contribuire allo sviluppo e all’emancipazione dei popoli africani. Sono a favore di un piano Marshall per l’Africa”: lo ha dichiarato oggi a Strasburgo il presidente francese. Secondo Macron, servono “solidarietà europea alle frontiere e suddivisione degli oneri”. Il presidente francese ha poi sottolineato l’importante cooperazione con la Germania e l’Italia per quanto riguarda la gestione dei confini nazionali in materia di immigrazione. Macron ha chiesto di concretizzare il diritto di asilo semplificandone le procedure. Positivo infine il giudizio sulla ridiscussione del processo di domanda di asilo attualmente in corso presso le Commissioni del Parlamento Ue.

 

 

di Alessio Pisanò, corrispondente da Bruxelles

17 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»