Sardegna

Scuola, dal Governo 28,3 milioni per combattere abbandono

CAGLIARI – Una premialità da 28,3 milioni di euro arriva da parte del Governo nazionale per le scuole della Sardegna. Lo annuncia l’Esecutivo, riunito oggi nella sala Giunta del Consiglio regionale con il vicepresidente Raffaele Paci. Le risorse, fa sapere la Regione, saranno utilizzate per sostenere tre linee di intervento del progetto “Tutti a [email protected]” per il biennio 2016/2018, “con interventi mirati ad arginare il fenomeno dell’abbandono scolastico, spesso causato dal deficit di competenze”. La premialità, come ha spiegato l’assessore Claudia Firino, è legata al Progetto obiettivi di servizio previsto dal Qsn (Quadro strategico nazionale) 2007/2013 che ha introdotto nella programmazione nazionale un percorso di miglioramento dei servizi per la popolazione e l’innalzamento della qualità della vita, con il fine di equiparare le regioni del Mezzogiorno a quelle del Nord.

scuolabus

Dei quasi 30 milioni di euro, 15 saranno così destinati alla linea “Miglioramento delle competenze“, 10 milioni a “Scuole aperte“, e 3,3 per l’acquisto di scuolabus. Nel dettaglio, per quanto riguarda il miglioramento delle competenze si interverrà nelle scuole medie e nel biennio delle superiori, per un totale di 77.000 allievi, ovvero con le risorse a disposizione si coinvolgerà l’8% della popolazione studentesca del biennio. Mentre, su “Scuole aperte”, il finanziamento sarà utilizzato per fare delle “call annuali delle autonomie scolastiche che partecipano e che potranno presentare progetti di rafforzamento dell’offerta formativa e di fruizione dello spazio scuola, coinvolgendo così 182.000 studenti sardi. Si procederà infine all’acquisto del terzo lotto degli scuolabus, dopo quelli da 28 e 38 posti, con 18 mezzi da 45 posti ciascuno. Sarà data priorità ai Comuni che hanno avuto la chiusura di scuole nell’ultimo processo di dimensionamento scolastico.

di Andrea Piana, giornalista

17 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»