Caccia. Pepe: "Disponibilità a confronto con ambiti territoriali e associazioni venatorie" - DIRE.it

Abruzzo

Caccia. Pepe: “Disponibilità a confronto con ambiti territoriali e associazioni venatorie”

cacciaPESCARA – L’assessore alla Caccia della Regione Abruzzo, Dino Pepe, accoglie con favore e massima disponibilità la richiesta, formalizzata ieri dagli Ambiti Territoriali di Caccia Vomano – Fino e Salinello, di un incontro pubblico con le Associazioni venatorie come fa costantemente dalla sua nomina.

   “Purtroppo- dichiara Pepe-, per impegni già assunti in precedenza, non potrò essere presente nella data indicata del 19 febbraio 2016. Tuttavia ho provveduto immediatamente a comunicare la mia disponibilità per il giorno 11 marzo 2016, stesso luogo, unitamente alla struttura funzionariale dell’Ente”.

   “Ritengo di aver sempre dimostrato, nei fatti, di essere disponibile all’ascolto di tutti- ha affermato l’Assessore- e rispetto al mondo venatorio ho sempre considerato fondamentali due concetti: Dialogo e Legalità. Concetti che- spiega Pepe – devono andare sempre di pari passo perché al momento dell’ascolto delle esigenze dei portatori di interesse deve sempre affiancarsi il momento della declinazione in atti amministrativi di queste esigenze nel massimo rispetto della normativa vigente”.

   “L’incontro pubblico- conclude l’assessore- sarà utile, da parte mia, per ribadire questi concetti, come dimostrato concretamente con l’approvazione degli ultimi due calendari venatori improntati sul dialogo ed in nessun modo oggetto di contestazioni. In questa ed in tutte le altre occasioni la Regione Abruzzo, nell’ambito delle proprie competenze di controllo, indirizzo, regolamentazione e coordinamento delle attività venatorie, ha sempre dimostrato di essere ligia ai dettati della normativa, evitando, come avveniva in passato, numerosi riscorsi al TAR che hanno visto l’Ente Regione soccombente”.

17 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»