AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Province. Filippeschi-Bugli, match sul rischio default

filippeschiFIRENZE – Scontro al Consiglio di Anci Toscana fra il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi (che e’ anche presidente di Legautonomie) e l’assessore regionale con delega al Bilancio, Vittorio Bugli, sulla riorganizzazione delle Province: “Rischiamo che 6 Province vadano in dissesto- ha rinnovato l’allarme Filippeschi-. Visto che sui conteggi il Governo ha sbagliato tutto, chi si trova in un angolo oggi e’ l’ente Provincia. E non so come si potra’ gestire un dissesto generalizzato se ci saranno 6 Province in Toscana ad andare in default”.

Un’analisi che ha fatto da premessa per affondare il colpo nei confronti della Giunta regionale: “Il nodo della copertura riguarda si’ il taglio compiuto dalla legge di stabilita’, che di per se’ gia’ insopportabile, ma anche la riduzione in 3 anni dei trasferimenti della Regione per le funzioni da 64,5 milioni a 27,2 milioni di euro con un taglio effettivo del costo reale del 57%”.

Piccata e’ arrivata la replica dell’assessore Bugli: “Quelle cifre sono il frutto dell’accordo sottoscritto nel 2012 con le Province- ha affermato-. Non lo firmai io, perche’ ero in Consiglio regionale. Anzi, da quei banchi ricordo che aumentammo l’importo di 5 milioni. D’altronde- ha aggiunto-, bisogna considerare che il bilancio della Regione nel 2011 ammontava a 2,2 miliardi e nel 2015 e’ di 1,6 miliardi”.
L’assessore Bugli ha anche invitato a guardare il quadro nazionale, nel quale si stanno muovendo le Regioni nel rapporto con le Province: “In Veneto non sanno cosa fare, in Piemonte non hanno cambiato nulla perche’ mai hanno trasferito delle risorse, in Lombardia hanno fatto una legge di 2 pagine- e’ stato il suo sfogo davanti ai delegati dell’associazione dei Comuni-. E venire a martellare la Toscana dopo che col proprio bilancio sta cercando, con ogni sforzo possibile, di raggiungere il pareggio mi pare un po’ eccessivo”.

17 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988