Berlusconi-show in Sardegna, bordate al M5s

"I candidati del M5s sono invece quasi tutti degli scappati di casa". Berlusconi scatenato in Sardegna per sostenere Daniela Noli: "È un volto nuovo ed è l'unica donna in campo per le suppletive"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “La nostra candidata è una persona preparata e competente. I candidati del M5s sono invece quasi tutti degli scappati di casa. Nella scorsa legislatura l’87% dei grillini non aveva mai presentato una denuncia dei redditi. Qui a Cagliari hanno indicato un signore che è andato in Parlamento una sola volta e poi ha deciso che era molto più comodo andare in barca a vela“. Così il leader di Forza italia, Silvio Berlusconi, questa mattina a Monserrato, seconda tappa del tour in Sardegna che toccherà tra oggi e domani tutti gli otto comuni del cagliaritano chiamati alle urne domenica per le suppletive che assegneranno il seggio alla Camera, vacante dopo le dimissioni dell’ex M5s Andrea Mura.

Leggi anche:

L’ex premier è impegnato naturalmente a sostenere la candidata del centrodestra, l’azzurra Daniela Noli, ma ha dedicato parole dolci anche per Christian Solinas, il candidato governatore del centrodestra alle regionali del 24 febbraio, sul cui nome Forza Italia nei mesi scorsi si era spaccata. “Daniela è laureata in psicologia, è un volto nuovo ed è l’unica donna in campo per le suppletive- sottolinea Berlusconi-. Mi rivolgo in particolare alle donne sarde: datele il voto, sono assolutamente sicuro che porterà in Parlamento le istanze della Sardegna. Tra l’altro ha un fratello sacerdote- scherza poi il leader azzurro- devo farmi dare il numero di telefono per andare a confessare i miei peccati, mi hanno detto che dà delle penitenze molto lievi…”.

Sulle regionali di febbraio, “abbiamo scelto Solinas come candidato senza esitazioni- prosegue- perché crediamo sia l’uomo giusto per vincere le elezioni e governare la Sardegna nei prossimi cinque anni. Abbiamo discusso con lui del programma, una discussione che però si è rivelata inutile, perché siamo d’accordo con lui su tutto: dalla continuità territoriale, da ottenere subito, alla zona franca. C’è poi il discorso infrastrutture: la Sardegna è troppo indietro, non è possibile accettare questa situazione. Infine la sanità: la Asl unica non funziona, l’ho provato sulla mia persona ad Olbia, c’è mancanza di personale. Servono almeno quattro asl, in modo che ci sia la possibilità di fare nuove assunzioni”.

Infine ancora duri attacchi al M5s: “I grillini sono una iattura per il nostro Paese, se andassero loro avanti a governare non potrebbero che arrivare disgrazie. Hanno nel loro programma l’invidia sociale, perché sono persone che non hanno mai lavorato e non hanno mai saputo farsi una famiglia. Mi dicono che hanno copiato dalla Francia la legge tributaria sulle case, che prevede le tasse più alte al mondo. E per sanare il debito, siccome non hanno patrimoni, vogliono mettere un’imposta patrimoniale. Sono per la nazionalizzazione delle imprese, l’assistenzialismo, il blocco delle infrastrutture e l’aumento delle imposte. Ricordiamocelo quando andiamo alle urne”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»