AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Usa, la Corte suprema dichiara incostituzionale la legge sulla pena di morte in Florida

ROMA – La Corte suprema degli Stati Uniti d’America, con otto voti favorevoli su nove, ha dichiarato incostituzionale la legge della Florida che consentiva a un giudice singolo di comminare la pena di morte senza dover ricorrere al consenso unanime della corte.

Secondo fonti di stampa americane, la legge era frutto della politica di ‘snellimento‘ condotta dal governatore Rick Scott, intesa a velocizzare le procedure per le sentenze capitali, nonche’ cavallo di battaglia della sua carriera politica: in questo Stato infatti le esecuzioni nel 2015 sono state 22, un numero esorbitante rispetto agli altri 37 stati che la consentono, dove la mano del boia interviene sempre meno di frequente: in totale la pena capitale e’ stata eseguita 28 volte – peraltro il numero piu’ basso dal 1992.

carcere

In Florida – unico stato in cui vige una legge di questo tipo – i detenuti nel braccio della morte sono attualmente 400, al secondo posto dopo la California, in cui sono circa 700. Tuttavia in quest’ultimo le esecuzioni sono ferme dal 2006, fatto paradossale che ha creato una crisi di sovraffollamento delle celle e un vero ‘caso mediatico’, per via delle forti proteste sollevatesi dal mondo dell’associazionismo cattolico e dei diritti umani.

Anche la nuova legge della Florida ha incontrato vive proteste, ma a portare il caso davanti ai 9 giudici della Corte suprema sono stati i legali di Timothy Hurst, un detenuto condannato per omicidio. Durante il processo, la pena capitale era stata approvata da sette membri della corte su dodici. Non avendo raggiunto l’unanimita’, la sentenza non avrebbe potuto essere approvata, e invece la legge del governatore Scott le ha aperto la strada. Bloccata ora dalla Corte suprema per incostituzionalita’, la condanna sara’ trasfromata in una pena detentiva.

Dal 1976 – cioe’ da quando la pena di morte e’ stata reintrodotta – le esecuzioni negli Stati Uniti sono state 1.423.

17 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988