Manovra, Di Maio: “Queste ore più importanti dal 4 marzo”. Salvini: “Ce la faremo”

Salvini rassicura su una possibile crisi di governo: “Vogliono farci litigare ma basta una telefonata quando leggo una intervista che puzza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“Le ore più importanti del governo del cambiamento. Sono ormai passati più di 9 mesi dal 4 marzo. Quel giorno ci siamo resi conto che il MoVimento 5 Stelle sarebbe andato al governo e che avremmo quindi avuto la responsabilità di realizzare quello che ci eravamo impegnati a fare”. Così il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, sul blog delle stelle.

“Da quel giorno abbiamo lavorato sodo per arrivare al risultato. Abbiamo sottoscritto un contratto di governo che contiene la nostra idea di Paese e oggi siamo a un passo dalla meta. Questi giorni, infatti, sono importantissimi perché manca pochissimo all’approvazione di una legge di bilancio che contiene misure che tutti dicevano sarebbero state impossibili da realizzare”.

DI MAIO: MI FIDO DI CHI È AL GOVERNO, VINCOLATI AL CONTRATTO

“Io mi fido del fatto che chi è al governo voglia realizzare quello che abbiamo scritto nel contratto. Siamo vincolati a un patto ben preciso, nel nome dell’interesse più alto che ci sia: quello del popolo italiano. In questi mesi abbiamo già fatto tanto insieme e tanto insieme possiamo fare da qui al 2023. Il 2019 sarà l’anno del cambiamento, ma affinché sia così è necessario portare a casa la legge di bilancio e la trattativa con la Ue che si chiuderanno entrambe nei prossimi giorni”. 

DI MAIO: DOBBIAMO STARE UNITI, NON CEDERE A PROVOCAZIONI

“In questo momento è fondamentale la trattativa che il Presidente Conte e il ministro Tria stanno portando avanti con l’Unione Europea che ci consentirà anche di evitare la procedura di infrazione. Insomma, sono le ore più importanti che stiamo vivendo dal 4 marzo a questa parte. E’ il momento quindi di essere compatti, di non cedere alle strumentalizzazioni e alle provocazioni di chi vorrebbe veder naufragare tutto quello per cui abbiamo lottato e che siamo a un passo dall’ottenere”. 

SALVINI: VOGLIONO FARCI LITIGARE MA BASTA UNA TELEFONATA

“Vogliono farci litigare ma basta una telefonata a Conte e Di Maio. Quando leggo una intervista che puzza una telefonata allunga la vita”. Lo dice il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervenendo alla Scuola politica della Lega a Milano.

SALVINI: SICURO CHE CE LA FAREMO E SARÀ DA ESEMPIO PER UE

“Oggi pomeriggio tornerò a Roma, questa è una settimana decisiva e sono sicuro che porteremo a casa un risultato che sarà da esempio per gli altri popoli europei: volere e potere”. Cosi’ il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervenendo alla Scuola politica della Lega a Milano. “Senza cappello in mano e senza calare le braghe cominciamo a fare il primo di 5 passi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»