I libri invadono Milano, 1.500 eventi per Bookcity

Quasi 1.500 eventi in 376 luoghi della città, per un totale di 3.000 tra scrittori e relatori e 200 editori coinvolti.

Condividi l’articolo:

MILANO – Quasi 1.500 eventi in 376 luoghi della città, per un totale di 3.000 tra scrittori e relatori e 200 editori coinvolti. Sono i numeri da record della settima edizione di Bookcity Milano, la manifestazione dedicata ai libri e alla lettura che coinvolge librerie, teatri, musei, scuole, palazzi storici e circoli. Ad aprire Bookcity è stato ieri il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che al Teatro Dal Verme ha consegnato il Sigillo della città a Jonathan Coe.

Lo scrittore inglese, autore di libri celebri come ‘La famiglia Winshaw’ e ‘La banda dei brocchi’, ha presentato al pubblico ‘Middle England’ (Feltrinelli), considerato in patria la prima opera letteraria sulla Brexit. La chiusura sarà invece affidata a Beppe Severgnini, che domenica alle 20.30, sul palco del Teatro Franco Parenti, proporrà un viaggio tra ricordi ed esperienze a partire dal suo libro ‘Italiani si rimane’ (Solferino).

GLI AUTORI CHE PARTECIPERANNO

Tra gli autori coinvolti Nicola Gardini, Vivian Lamarque, Emilio Gentile, Patrizia Valduga, Milo De Angelis, Helena Janeczek, Nadia Terranova, Massimo Recalcati, Marco Belpoliti, Miriam Toews, Alberto Manguel, Louis Sepulveda, Walter Siti, Manfred Spitzer, Paolo Cognetti, Francesco Cataluccio, Maurizio Cucchi, Marcello Fois, Nadia Fusini, Alessandra Kustermann, Gabriele Nissim, Paola Mastrocola, Laura Pariani.

GLI APPUNTAMENTI

Grande spazio sarà dato alla poesia, con quattro incontri domenica dall’alba al tramonto in luoghi emblematici di Milano e il progetto Officina Poesia a cura di Fondazione Pordenonelegge.it e Sem editore che organizzano un Laboratorio articolato in tre sessioni. Bookcity, promossa dall’omonima associazione (fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri) e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Milano, con il suo successo ha contribuito a far si’ che a Milano sia stata assegnata la qualifica di Citta’ Creativa Unesco per la Letteratura.

Leggi anche:

16 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»