Iea, possibili 30 milioni di auto elettriche nel 2025

smog_trafficoROMA – “L’elettricità rappresenterà una ancor maggiore quota nei consumi finali di energia: da poco più di un quarto negli ultimi 25 anni, l’elettricità conta oggi per quasi il 40% del consumo addizionale al 2040, nello scenario principale, e per 2/3 nello scenario 450” che cioè punta a limitare a 450 parti per milione la CO2 nell’aria restando entro un massimo di 2 gradi di aumento della temperatura globale. In tutto ciò, anche se rappresenterà “un piccolo fattore” nella crescita della domanda elettrica, “il previsto aumento dei consumi elettrici nel trasporto su strada è emblematico della tendenza più ampia, mentre le auto elettriche conquistano sempre più l’apprezzamento dei consumatori, nuovi modelli arrivano sul mercato e la differenza di costo con i modelli convenzionali continua a restringersi“.

Lo dice l’Agenzia internazionale dell’energia (International energy agency– Iea) nel World energy outlook 2016 presentato oggi. “Il numero delle auto elettriche ha raggiunto 1,3 milioni nel 2015, quasi raddoppiando i livelli 2014”. Nello scenario principale preso in considerazione dall’Iea “questa cifra sale a oltre 30 milioni al 2025 e supera i 150 milioni nel 2040, riducendo la domanda di petrolio a quell’anno di circa 1,3 milioni di barili al giorno (mb/g)”.

Anche se il costo della batterie continua a diminuire, “politiche di sostegno, ben distanti dall’essere universali al momento, sono ancora cruciali per incoraggiare sempre più consumatori a scegliere un’auto elettrica anziché una convenzionale”, prosegue l’Iea nel World energy outlook 2016. Se queste politiche, inclusa una regolazione più stretta sui carburanti dal pusto di vista economico e delle emissioni, così come gli incentivi, diventano più forti e diffuse”, come nello Scenario 450 dell’Iea, “l’effetto potrebbe essere quello di avere 715 milioni di auto elettriche sulla strada al 2040, rimpiazzando 6 mb/g di domanda petrolifera”

16 Nov 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»