Festival della Filosofia: il tema del 2019 sarà la ‘Persona’

MODENA – ‘Persona’. Sara’ questo il concetto da attraversare con i filosofi per l’edizione 2019 del Festival della filosofia. Lo ha annunciato oggi pomeriggio nella sede del Consorzio del Festival, a Palazzo dei Musei,  il Comitato scientifico, con il presidente Remo Bodei, alla presenza del sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, di Tullio Gregory filosofo e accademico dei Lincei, e del Direttore del Festival, Daniele Francesconi.

I primi numeri di questa tre giorni sono quelli di una ‘invasione filosofica’

185 mila presenze e forse di piu’, distribuite uniformemente. Bene anche le mostre e il programma artistico. “Perche’ voi filosofi spesso non volete commentare la cronaca politica?” “Perche’- risponde un filosofo a microfono spento alla Dire- per farlo serve il giusto modo, il tempo e il contesto adatto. Non un tweet, non una chiacchiera”.

Ma per chi avesse la tentazione di pensare che la filosofia resti quindi elitaria, lontana dalla realta’ il suggerimento e’di guardare le piazze di Modena, Carpi e Sassuolo nei giorni e nelle notti del Festival della filosofia. Platone, Foucault, Guicciardini, Spinoza. Nelle viuzze, sotto ai portici, a un passo dalle finestre. Curiosi, turisti, studenti, comuni cittadini, bambini che giocano mentre un filosofo spiega di Aristotele e dei sillogismi. E’ il ritratto di un popolo che vuole capire. E’ educazione pubblica alla competenza. La filosofia esce dalle accademie, scende nella strada con i suoi professori, ricercatori e sistemi teoretici, abbandonando lo stereotipo che la vede esclusiva e per pochi. E invece no. La filosofia ci viene incontro e il prossimo anno parla ad ognuno. Ognuno come ‘persona’

Leggi anche:

16 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»