Vaccini, rapporto Aifa 2017: I medicinali piu’ sicuri; 20 mln di over 65 nel 2050: ecco la bomba demografica - DIRE.it

TG-Sanità

Vaccini, rapporto Aifa 2017: I medicinali piu’ sicuri; 20 mln di over 65 nel 2050: ecco la bomba demografica

VACCINI. RAPPORTO AIFA 2017: SONO TRA I MEDICINALI PIU’ SICURI

Pubblicato sul portale dell’Agenzia Italiana del Farmaco il Rapporto Vaccini 2017. “Non emergono problematiche di sicurezza- ha ribadito Mario Melazzini, Direttore generale di AIFA- I vaccini sono tra i medicinali più controllati e sicuri”. Le segnalazioni per vaccini sono state 6.696. Gli episodi di sospette reazioni avverse considerate gravi sono state rare e nella maggior parte dei casi transitorie, e, soprattutto, non correlabili alla vaccinazione. 

20 MILIONI DI OVER 65 NEL 2050: ECCO LA BOMBA DEMOGRAFICA

La popolazione italiana invecchia e lo fa a ritmo veloce. Nel 2050 saremo due milioni e mezzo in meno, come se la citta’ di Roma sparisse. Gli over65 rappresenteranno piu’ di un terzo della popolazione, a quota 20 milioni, mentre oltre 4 milioni avranno più di 85 anni. Sono alcuni dei dati emersi dalle proiezioni Istat per Italia Longeva-Rete nazionale sull’invecchiamento.
Una bomba demografica che causerà un problema di assistenza sanitaria dovuto all’incremento di patologie croniche con cure a lungo termine. Ottomilioni di anziani, infatti, avranno almeno una malattia cronica grave: il tema dell’assistenza domiciliare sarà cruciale e tornerà ad essere importante un nuovo senso della comunità familiare. Perché solitudine e isolamento saranno problemi altrettanto grandi.

MINISTRO GRILLO IN CAMPANIA: NON SIAMO QUI PER TAGLIARE NASTRI

“La Campania merita particolare attenzione. Non per venire a tagliare nastri o fare blitz che non portano a nulla”. Queste le parole del ministro dellaSalute, Giulia Grillo, in occasione della visita ai principali ospedali di Napoli. Prima tappa il Monaldi, afflitto da numerosi e storici problemi. Qui il ministro, dopo aver incontrato un comitato di genitori di bambini trapiantati, è tornata a parlare di titolo V, di Regioni penalizzate e ha ribadito l’impegno del governo per risolvere, insieme a tutti gli attori in campo, i tanti problemi di questo centro di eccellenza.

BIOSIMILARI IN ONCOLOGIA, INNOVAZIONE E SOSTENIBILITA’

Diversi farmaci biologici presto non saranno piu’ coperti da brevetto e i ‘biosimilari’ faranno il loro ingresso nelle cure oncologiche. Si comincia con bevacizumab e trastuzumab per tumori della mammella e gastrici avanzati. Le norme di regolamentazione europee offrono tutte le garanzie di sicurezza ed efficacia, ma Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) ha scelto di includere anche le osservazioni dei pazienti, coinvolgendo a Roma nella presentazione del ‘position paper’ anche le associazioni. Il tema è principalmente legato alla sostenibilità economica, l’impiego dei biosimilari libererà nuove risorse economiche. Lo ha spiegato alla Dire, Stefania Gori, Presidente nazionale Aiom.

OSPEDALE BAMBINO GESU’, 321 TRAPIANTI E 13MILA PAZIENTI ‘RARI’NL 2017

Quasi 2 milioni di prestazioni ambulatoriali, oltre 28mila ricoveri, 321 trapianti di organi e tessuti, 400 ricercatori, 13 mila pazienti ‘rari’. Sono solo alcuni dei numeri presentati nel bilancio sociale e dell’attività clinica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’. Il 29% dei ricoveri proviene da fuori Regione, soprattutto dal Sud con in testa Campania, Puglia e Calabria.  Unico ospedale in Europa in grado di rispondere al bisogno di ogni tipologia di trapianto, nel 2017 i suoi medici ricercatori hanno identificato 16 nuove malattie rare. Un volume di attività da 313 milioni di euro di costi a fronte di 322 di ricavi, con un margine operativo lordo con segno positivo.

OSPEDALE NEGRAR DIVENTA ISTITUTO RICERCA PER MALATTIE TROPICALI

Oltre 450 ricoveri, 4.500 visite l’anno, 1.500 casi di malaria. Sono i numeri dell’ospedale convenzionato Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, in provincia di Verona, diventato Istituto di ricerca e cura a carattere scientifico nazionale (Irccs), per le malattie infettive e tropicali. L’unico di questa specialità ad aver ottenuto il riconoscimento. “Un campo di ricerca quanto mai fondamentale- ha sottolineato l’assessore della Regione Veneto allaSanità, Luca Coletto- per l’aumento del numero di persone che compiono viaggi in aree tropicali” e per nuovi bisogni di salute legati ai fenomeni migratori.

16 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»