Famiglia, Bologna contro il ministro Fontana: "Combatteremo contro chi riduce diritti" - DIRE.it

Emilia Romagna

Famiglia, Bologna contro il ministro Fontana: “Combatteremo contro chi riduce diritti”

BOLOGNA – La cosa più grande forma di discriminazione? “Dire a qualcuno che non esiste”. Così Susanna Zaccaria, assessora alle Pari opportunità della città di Bologna commenta le dichiarazioni del neo ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana sul tema dei diritti delle famiglie arcobaleno. 

“Bologna continuerà ad agire come ha sempre fatto, attuando ogni tipo di politica di contrasto alle disuguaglianze e discriminazione”, continua Zaccaria, intervenuta a margine della presentazione di Various Voices, il festival mondiale di cori gay che nel 2022 si terrà in città.

Più che rabbia “è tanta tristezza quella che vedo da parte delle famiglie arcobaleno”, le quali però, secondo l’assessore, “già con il fatto che esistano, sono la risposta vivente alle dichiarazioni di Fontana”.

Bologna non ha intenzione di lasciare indietro nessuno e quindi “continueremo a lavorare come abbiamo fatto fino ad ora e ancora più intensamente se vedremo che ci saranno delle limitazioni imposte, che cercheremo di combattere con tutto quello che è a nostra disposizione”.

Susanna Zaccaria non ha alcun dubbio sulla posizione che la città avrà nei prossimi anni: “Controcorrente? Sicuramente. Anche se in questo caso significa semplicemente rispettare la nostra Costituzione”.

Leggi anche:

Famiglia, Cirinnà su twitter: “Ministro Fontana mi ha bloccata”

Famiglia, Tiziano Ferro a Fontana: “Basta invisibilità”

Famiglia, il sindaco arcobaleno contro Fontana: “Non decide se esistiamo”

Famiglie, Franco Grillini: “Fontana vive nel mondo di qualche secolo fa”

 

16 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»