Comuni, Unscp: “Responsabile albo segretari ci incontri per affrontare problematiche”

Su questi temi, l'appello dell'Unione a Gioffrè, "le chiediamo di voler convocare un incontro, con estrema urgenza, così da poterli affrontare più compiutamente unitamente a proposte risolutive"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Unscp, Unione nazionale dei segretari comunali e provinciali, ha inviato una nota al nuovo Responsabile dell’Albo Nazionale dei segretari comunali e provinciali, Pasquale Antonio Gioffrè.

“Molti sono i temi aperti che riguardano la categoria dei segretari comunali e provinciali che richiedono di essere affrontati con urgenza, a partire dalla grave carenza di segretari, ormai drammatica in diverse regioni d’Italia, e alle misure più idonee a fronteggiarle- scrive l’Unscp- alla valutazione delle più idonee iniziative utili a risolvere le controversie insorte in merito alla corretta applicazione di diversi istituti contrattuali nonché, da ultimo, alla ipotesi di una diversa collocazione dell’albo all’interno dell’organigramma del ministero dell’Interno, anch’essa di particolare delicatezza e finora priva di alcuna interlocuzione”.

Su questi temi, l’appello dell’Unione a Gioffrè, “le chiediamo di voler convocare un incontro, con estrema urgenza, così da poterli affrontare più compiutamente unitamente a proposte risolutive”.

“Non possiamo non rappresentarle, inoltre- prosegue l’Unscp- la necessità di un Suo intervento per il rapido avvio dei corsi di specializzazione Spes e Sefa, la cui ultima indizione risale ormai al lontano dicembre 2016, e sui quali si rincorrono voci di un ulteriore incomprensibile ed inammissibile slittamento della data di avvio. La perdurante inerzia costituisce senza alcun dubbio un inaccettabile vulnus per le legittime aspettative professionali dei segretari comunali che da tempo ormai hanno maturato i requisiti per accedervi. Anche la Conferenza Stato-Città e Autonomie locali, nella seduta del 13 marzo, aveva evidenziato l’urgenza di provvedere, stante altresì lo stato di agitazione dichiarato dalla Unscp unitamente alla Cgil, Cisl e Uil e i solleciti inviati da centinaia di segretari comunali anche a mezzo diffida da parte di studi legali”, concludono i segretari.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»