FOTO e VIDEO | Salvini a Napoli, corteo di protesta: “Ministro non c’è posto per te”

A Napoli un corteo partecipato e colorato per dire no al ministro dell'Interno: "Napoli non si lega". in campo striscioni, bandiere, cani e anche Pulcinella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Napoli non si lega“. È questo il messaggio lanciato dai manifestanti al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che oggi è arrivato in città per partecipare in prefettura al comitato per l’ordine e la sicurezza dove si discute della situazione della sicurezza nell’area metropolitana e dello stato di attuazione delle direttive per il controllo del territorio. Nel palazzo di governo della città, insieme al prefetto Carmela Pagano e ai vertici delle forze dell’ordine, c’è anche il sindaco Luigi de Magistris.

Al corteo, in marcia lungo via Toledo, è intervenuto anche Pulcinella che all’indirizzo di Salvini dice: “Statt ‘a casa toia“.

 

MANIFESTANTI: MINISTRO, PER TE NON C’È POSTO

“Oggi è arrivato in città il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Ancora una volta Napoli risponde al razzismo e gli dimostra che per lui non c’è posto. Oggi tanti abitanti hanno affisso ai loro balconi dozzine di striscioni popolando la città con un solo messaggio: non è vero che il Sud è con la Lega“. Lo ha detto al megafono lo speaker del corteo che a Napoli sta animando via Toledo, dirigendosi verso la Prefettura, in dissenso con la presenza del leader del Carroccio che è in città per presiedere il comitato per l’ordine e la sicurezza.

UN ATTIVISTA: È RADUNO NATO SPONTANEAMENTE

“Il movimento è nato spontaneamente in poche ore, anche a partire dagli striscioni affissi dalla cittadinanza nei terrazzi delle proprie case”, a dichiararlo alla Dire è Alfonso De Vito, del movimento Magnammoce ‘o pesone, durante il corteo di protesta per la presenza di Matteo Salvini in prefettura a Napoli, dove sta presiedendo il comitato di ordine e sicurezza pubblica.

Chi ha la memoria lunga non puó schierarsi con lui. Con lui che – sostiene De Vito – ci dava dei terroni e auspicava la secessione prima di cambiare immagine. Con lui che ancora oggi spinge per l’autonomia differenziata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»