Casal Bruciato, 40 indagati per le minacce ai rom: 24 sono di Casapound e Forza nuova

Gli altri 16 sono appartenenti ai movimenti per la casa. I reati che la Procura contesta a chi ha manifestato contro i rom vanno dalle minacce all'odio razziale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Roma ha iscritto 40 persone nel registro degli indagati in relazione ai disordini che si sono verificati a Casal Bruciato tra il 6 e l’8 maggio, in seguito al trasferimento di una famiglia rom in una casa popolare in via Sebastiano Satta. Ventiquattro appartengono a Casapound e Forza Nuova.

Le ipotesi di reato contestate, a vario titolo, dal procuratore aggiunto Francesco Caporale e dal pm Eugenio Albamonte vanno dall’istigazione all’odio razziale, alla violenza privata, all’adunata sediziosa, passando per l’apologia di fascismo e le minacce, aggravate dall’odio razziale, in quest’ultimo caso il riferimento è all’uomo che gridò “Ti stupro” alla donna assegnataria dell’appartamento.

Le altre 16 persone indagate appartengono ai movimenti per la Casa e agli antagonisti: a loro viene contestato il corteo non autorizzato dello scorso 8 maggio.

LEGGI ANCHE:

Casa assegnata a famiglia Rom, scoppia la protesta a Casal Bruciato: “Vi tiriamo una bomba”

VIDEO | Casal Bruciato, da Casapound insulti a madre rom con bimba: “Troia, ti stupriamo”

VIDEO | Casal Bruciato, tensioni tra Casapound e Polizia

VIDEO | Casal Bruciato, tensione tra Asia Usb e Casapound: “Fascisti di m….”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»