La Sinistra, Fratoianni: “Al Pd manca coraggio. Di Maio? Solo noi fuori da questione morale”

Il candidato di La Sinistra attacca il Movimento 5 Stelle: "Sta esplodendo una nuova questione morale nel paese"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Partito democratico e’ ancora prigioniero del suo passato: e’ incapace di segnare una svolta radicale con le scelte degli ultimi anni”. Cosi’ il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, intervistato dalla Dire, giudica il piano per l’Italia presentato ieri dal Pd.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Salvini come il Duce in una scuola di Palermo, docente sospesa. Fratoianni-Orlando: “Studenti hanno ragione”

“Del resto- aggiunge Fratoianni- la stessa composizione della lista presentata da Nicola Zingaretti, che va da Macron a Calenda, dice molto della discussione interna a quel partito. Ancora non ci siamo. Di fronte a una diseguaglianza che cresce in modo insopportabile ogni giorno di piu’ manca il coraggio di dire che serve una tassa sulle grandissime ricchezze per redistribuire un po’ di quella ricchezza, serve il coraggio di dire che occorre mettere in campo una battaglia senza quartiere contro l’evasione e l’elusione, in particolare delle multinazionali che sviluppano profitti enormi nel nostro paese, ma qui non pagano neanche un euro di tasse”.

“Serve il coraggio di dire che per grandi opere necessarie a questo paese non si deve intendere la Tav, ma la messa in sicurezza dal rischio idrogeologico, l’investimento diffuso per la mobilita’ dei pendolari… Insomma rispetto alle scelte di questi anni – dallo Sblocca Italia, alla buona scuola, alla riduzione dei diritti al lavoro- conclude Fratoianni – bisogna fare un’inversione secca di marcia e prendere atto che quelle scelte hanno fallito”.

FRATOIANNI A DI MAIO: SOLO NOI FUORI DA QUESTIONE MORALE, VOI DENTRO

“Siamo di fronte e non solo in Lombardia all’esplosione di una nuova gigantesca questione morale in questo paese”. Aggiunge il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, intervistato dall’agenzia Dire, a proposito dell’inchiesta Piazza Pulita che ha portato all’arresto del sindaco leghista di Legnano.

“C’e’ un rapporto contiguo, troppe volte opaco e oscuro – aggiunge Fratoianni- tra settori larghi e anche trasversali della politica, che riguarda quasi tutte le principali forze. Di Maio dice che e’ una scelta tra loro e tangentopoli. Ricordo a Di Maio che il presidente del consiglio comunale di Roma poco tempo fa e’ stato arrestato per corruzione. Quindi e’ tutto dentro questa nuova questione morale. Siamo noi che invece ne siamo fuori, siamo gli unici che possono dire di essere orgogliosamente fuori da questa questione morale che torna ad esplodere sulla vita degli italiani”.

Secondo il segretario di Sinistra Italiana “serve un intervento molto netto della magistratura, che e’ un potere autonomo. Ma serve anche un intervento della politica. Tanto per cominciare – aggiunge- occorrono norme che separino in modo netto, nettissimo, gli interessi dell’impresa da quelli della politica. Hanno tolto il finanziamento pubblico della politica ma si sono moltiplicati i finanziamenti privati. Servono norme che chiariscano e sgombrino le ombre da una zona che e’ sempre piu’ oscura”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»