“Dolor y Gloria”, “Bangla” e “John Wick 3”: tutti i film al cinema nel week end

Dal 17 maggio in sala il nuovo film di Pedro Almodovar “Dolor y Gloria”, presentato in concorso al Festival di Cannes
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Questo week end nelle sale arriva il nuovo film di Pedro AlmodovarDolor y Gloria”. Presentato in concorso al Festival di Cannes, la pellicola, dal 17 maggio nelle sale, è un omaggio al cinema ed è probabilmente l’opera maggiormente autobiografica di Almodovar. Protagonista un regista in crisi, interpretato da Antonio Banderas. A fianco a lui, la musa di Almodovar, Penélope Cruz.

“Dolor y Gloria” parla della creazione artistica, della difficoltà di separarla dalla propria vita e dalle passioni che le danno significato e speranza. Nel recupero del suo passato, il protagonista sente l’urgente necessità di narrarlo, e in quel bisogno, trova anche la sua salvezza.

BANGLA

Bangla (dal 16 maggio nelle sale) è l’opera prima di Phaim Bhuyian, contemporaneamente regista e protagonista del film. Italiano di seconda generazione, Bhuyian, attraverso questa commedia, cerca di mettere in luce le difficoltà a cui vanno incontro i giovani che come lui sono cresciuti facendo propri usi di una cultura altra, senza rinunciare però alle proprie tradizioni.

Co-produzione Fandango e TIMVISION, Bangla racconta le vicende di Phaim, un giovane musulmano di 22 anni che vive a Roma, lavora in un museo e suona in gruppo. Un giorno in occasione di un concerto conosce una ragazza di nome Asia e tra loro scoppia l’amore. Una delle regole della sua religione impone però di non fare sesso prima del matrimonio.

JOHN WICK 3 – PARABELLUM

Per chi ha voglia di emozioni forti, l’appuntamento al cinema è con John Wick 3, terzo capitolo della saga con protagonista Keanu Reeves. A fianco a lui una Halle Berry in gran forma che, come il partner maschile, si è sottoposta ad un duro allenamento per prepararsi ad affrontare le tante scene d’azione.

Il superkiller Wick è in fuga per due ragioni: una taglia di 14 milioni di dollari e per aver infranto una delle regole fondamentali, uccidere qualcuno all’interno  vittima infatti era un membro dell’Hotel Continental. La vittima infatti era un membro della Gran Tavola che aveva posto la taglia su di lui. John avrebbe dovuto già essere stato eliminato, ma il manager dell’Hotel Continental gli concede un’ora di tempo prima di dichiararlo ufficialmente “scomunicato”. John dovrà cercare di restare vivo, lottando e uccidendo, in cerca di una via d’uscita da New York City.

MÒ VI MENTO – LIRA DI ACHILLE

Come si esce dalla recessione? Se si è dei governanti, con ricette che ammazzano il contribuente; se si è il contribuente, ammazzando qualcuno più ricco per ereditare. E’ questa la ricetta de Lira di Achille, commedia politically incorrect, che punta il dito contro il mondo corrotto della politica.

Ahille Alfresco (in nomen omen) è un politico che aspira a essere il prossimo presidente del Consiglio. Il nome del suo partito è tutto un programma: “Mò Vi Mento – Lira di Achille”Il principio su cui si fonda il “mò-vi-mento” è che l’intero mondo politico odierno sia basato sulla menzogna e sulla falsità. Quindi perché non fare una campagna elettorale “sincera” e coerente sin dall’inizio? 

QUANDO ERAVAMO FRATELLI

Tratto dal romanzo d’esordio di Justin Torres intitolato “Noi, gli animali”, “Quando eravamo fratelli” è stato presentato in anteprima in Italia al Biografilm Festival 2018 – International Celebration of Lives e ha incantato il Sundance Film Festival, dove è stato accolto con il plauso della critica e paragonato a pellicole del calibro di Re della terra selvaggia e Moonlight.

Diretto da Jeremiah Zagar, il film è una profonda storia di crescita,  sull’infanzia di tre fratelli, narrata in modo efficace grazie alle performances convincenti di un cast emergente – compresi i tre piccoli attori alla loro prima esperienza sul grande schermo – e alle sequenze animate che danno vita al mondo interiore di Jonah, il più piccolo dei tre ragazzi.

Tre bambini affrontano l’infanzia nella loro città natale nella campagna di New York e rispondono come possono al precario affetto dei loro genitori. Il loro amore è capace di fare e disfare una famiglia molte volte. Mentre Manny e Joel crescendo diventano sempre più simili al padre, la mamma (Ma) cerca di tenere il più piccolo, Jonah, “nel bozzolo” di casa. Più sensibile e consapevole dei suoi fratelli maggiori, Jonah abbraccia un mondo di immaginazione che è solo suo.

ATTENTI A QUELLE DUE

Remake al femminile di Due Figli Di… con Michael Caine e Steve Martin, “Attenti a quelle due” è una divertente commedia che vede come protagoniste Anne Hathaway e Rebel Wilson, nei panni di due truffatrici molto diverse tra di loro. Le due sono pronte a spillare quanti più soldi possibili ad un ricco genio del settore tecnologico (Alex Sharp), vero bersaglio della loro truffa.

UNFRIENDED: DARK WEB

Seguito dell’horror Unfriended, la pellicola è un film indipendente a basso budget, ma ad alto tasso di emozioni. Quando un ventenne scopre una cache di file nascosti sul suo computer, lui ed i suoi amici vengono inconsapevolmente gettati negli abissi del dark web. Scopriranno presto che ogni loro mossa è stata osservata e faranno di tutto per proteggere il dark web.

ALIVE IN FRANCE (dal 19 maggio)

Il documentario, che propone un’immagine unica di uno dei maestri del cinema più controversi e anticonformisti di Hollywood, racconta Abel Ferrara nell’inedita veste di cantante e musicista, trasportandoci nel tour francese in cui il regista ha suonato insieme ai suoi storici collaboratori musicali, nonché amici di vecchia data, le colonne sonore dei suoi più importanti film, da Driller Killer, Il cattivo tenente, Welcome to New York, Fratelli, Paura su Manhattan (Fear city), 4:44 Last day on earth, L’angelo della vendetta(MS. 45), a China girl.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»