Settimana della Bonifica, dal 19 maggio i Consorzi aprono le porte al pubblico

Ambiente

Settimana della Bonifica, dal 19 maggio i Consorzi aprono le porte al pubblico

ROMA – Da sabato prossimo al 27 maggio si svolgerà la 17esima edizione della Settimana Nazionale della Bonifica e dell’irrigazione. In questa occasione, come sempre, i Consorzi di bonifica ‘aprono le porte’ al territorio con centinaia di iniziative (visite guidate, concorsi scolastici, contest artistici, convegni, manifestazioni sportive, passeggiate, biciclettate, concerti etc.) lungo tutta la Penisola. Protagoniste assolute le ‘cattedrali dell’acqua’, capolavori dell’ingegneria e dell’architettura idraulica, aperte straordinariamente al pubblico. Lo slogan di quest’anno è ‘Politiche dell’acqua, motore di vita e investimento per l’economia. I consorzi di bonifica protagonisti per lo sviluppo dei territori’ e si inserisce nell’impegno dell’Anbi per promuovere le potenzialità produttive e occupazionali di investimenti infrastrutturali nella gestione delle risorse idriche.

Quest’anno la Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione (il cui programma è consultabile in progress sul sito www.anbi.it) si arricchisce di una proposta originale: una quattro giorni dedicata ai territori di bonifica con presenze internazionali, convegni scientifici, itinerari guidati, spettacoli (alcune ‘prime’ assolute) con personaggi noti al grande pubblico. Dal 24 al 27 maggio infatti ecco ‘Terrevolute – I Festival della Bonifica‘, evento organizzato da Anbi Veneto e dall’Università degli Studi di Padova, che animerà il territorio di San Donà di Piave grazie a convegni sulle nuove sfide per il governo del territorio, ma anche a tour, aperti a tutti, in bicicletta, autobus o ‘dall’alto’.

Mercatini, degustazioni e spettacoli si susseguiranno in diversi angoli della città: sul palco saliranno conduttori radiotelevisivi come Massimo Cirri e Patrizio Roversi, divulgatori scientifici come Luca Mercalli, musicisti come la Banda Osiris e attori come Mirko Artuso, ma anche scrittori come Antonio Pennacchi. Filo conduttore della manifestazione è l’impegno comune a valorizzare, da diversi punti di vista, la cultura del territorio e la necessità di preservarlo.

(di Marco Tribuzi)

16 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»