AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Sanità. Arriva il Giubileo, tutte le novità per gli ospedali del Lazio

ROMA – Ammonta a circa 88 milioni di euro l’investimento complessivo per finanziare gli interventi sanitari a Roma in vista del prossimo Giubileo.

Ristrutturazione ospedali, potenziamento elisoccorso, 100 nuove ambulanze, 800 assunzioni: queste alcune delle misure previste dal pacchetto sanitario, presentato oggi in Regione dal presidente Nicola Zingaretti, dal vicepresidente e delegato dell’ente locale per il Giubileo, Massimiliano Smeriglio, e dal sub-commissario regionale alla Sanità, Giovanni Bissoni.

Saranno 12 i pronto soccorso e i Dea di I e II livello che verranno ristrutturati, per una spesa complessiva di 35 milioni. Le strutture coinvolte, nello specifico, sono: Policlinico Gemelli, Policlinico Umberto I, San Giovanni Addolorata, San Camillo Forlanini, Policlinico Tor Vergata, Sandro Pertini, Sant’Eugenio, Grassi di Ostia, Sant’Andrea, San Filippo Neri, Santo Spirito, SS. Gonfalone. Prevista poi l’implementazione di 122 posti letto di area critica (terapia intensiva, unità coronarica, medicina d’urgenza, unità trattamento neurologico, psichiatria), che ha determinato il rafforzamento del personale impegnato in prima linea a fornire soccorso ai pellegrini. E poi ancora 300 i contratti a tempo indeterminato (attraverso lo sblocco del turn over che passa dal 15% al 30%), 300 le unità a tempo determinato e 200 quelle per rafforzare l’organico in forza al 118.

Potenziato anche l’Ares 118 grazie ad un incremento del parco ambulanze: saranno acquistate circa 100 nuove vetture, integrando così un recente bando che prevedeva l’acquisto di 45 nuove ambulanze. Nel pacchetto messo in campo dalla Regione c’è spazio anche per il potenziamento dell’elisoccorso: passeranno infatti da 6 a 38 i punti di atterraggio anche notturno per la città di Roma, di cui 10 sul Grande raccordo anulare in collaborazione con l’Anas e i gestori delle aree di servizio. Saranno ancora attivati 10 nuovi punti medici avanzati, strutture sanitarie mobili, queste, che forniranno assistenza immediata in alternativa a pronto soccorso e ospedali.

Nel pacchetto sanitario c’è infine il progetto ‘Oltre l’accoglienza’, grazie al quale la Regione Lazio, in collaborazione con l’Ares 118 e la Croce Rossa Italiana Comitato provinciale di Roma, formerà circa 400 volontari che si dedicheranno all’accoglienza socio-sanitaria e psicologica dei pellegrini. A questo progetto è stata richiesta la collaborazione del Vicariato di Roma.

Ma tornando agli investimenti, dei circa 88 milioni di euro la Regione Lazio ha previsto uno stanziamento diretto di oltre 19 milioni di euro (di cui 3,5 per il rinnovo del parco ambulanze, 1,7 per la messa a norma delle strutture sanitarie) e 14 milioni (per l’ampliamento dal 15% al 30% delle deroghe allo sblocco del turn over) per l’emergenza straordinaria rappresentata dal Giubileo. Oltre 33,5 milioni di euro, quindi, serviranno all’adeguamento e messa a norma dei pronto soccorso e sono un’anticipazione della quota spettante alla Regione dei finanziamenti per l’edilizia sanitaria. Gli ultimi 35,5 milioni sono fondi che la Regione ha chiesto invece di attivare sul fondo sanitario nazionale, e che saranno utilizzati per il potenziamento del personale nelle unità operative di pronto soccorso, del 118 e per finanziare i corsi di formazione dei volontari.

di Carlotta Di Santo

16 maggio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988