Roma, Zingaretti: “Fui tra chi scelse Marino, ha fatto tante cose buone”

Il segretario dem parla della cacciata dell'ex sindaco di Roma Ignazio Marino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono felice dell’esito del giudizio della vicenda di Ignazio Marino e personalmente non avevo dubbi. Io credo che ci si difenda nei processi”, dice Nicola Zingaretti, intervistato dalla Stampa Estera.

“Noi dobbiamo stare molto attenti a non confondere un avviso di garanzia con la colpevolezza. In questa vicenda si intrecciano un eccesso di rigore e, come disse allora il commissario, un giudizio amministrativo”, aggiunge Zingaretti.

Marino era un ottimo sindaco ed e’ stato fuori perche’ non era sufficientemente ‘pieghevole’ a Renzi e Orfini? Alla domanda della Stampa Estera Nicola Zingaretti risponde dribblando la opposte teorie, “di chi sostiene che oggi non siamo sufficientemente duri con Marini” in Umbria mentre “lo siamo stati troppo con Ignazio Marino. Io posso solo dire che fui tra le persone che scelsero Marino. Feci di tutto per farlo eleggere, collaborai con lui e penso che fece tante cose buone per Roma. Pero’ mi permetto di dire basta con la danza macabra di un eterno presente”.

LEGGI ANCHE:

Marino: “Zero aiuti da Renzi e Zingaretti quando ero sindaco di Roma”

Stadio della Roma, Marino: “Progetto della Raggi insulto ai romani e regalo ai costruttori”

Roma, Sabella: “Orfini dice la verità, Marino sostituì Masini per somme urgenze”

Marino contro Orfini: “Da lui insulti e falsità, farò causa civile per risarcimento danni”

Pd, Orfini risponde a Masini: “Sulla caduta di Marino parole incredibili”

Roma, intervista all’ex assessore Masini: “Marino ‘incaprettato’ dal Pd, Orfini fu il regista”

Roma, Orfini: “Scuse a Marino? Non se ne parla, era un incapace”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»