'Diritti negati', Afrikasì incontra gli studenti di Roma

Welfare

‘Diritti negati’, Afrikasì incontra gli studenti di Roma

Una sala gremita da 350 studenti romani, provenienti da 10 scuole tra medie e superiori, ha salutato la chiusura del Progetto, durato un anno, per la promozione e tutela dei Diritti Umani organizzato dalla onlus ‘Afrikasì’. Questo evento, organizzato insieme a Casa Memoria (Cinisi-Pa), rappresenta un momento importante del progetto “DIRITTI NEGATI” che da anni coinvolge numerose scuole di Roma e Venezia.  All’evento erano presenti Lucy Kerubo, una ragazza nata e residente nella baraccopoli Deep Sea, oggi studentessa universitaria a Nairobi, Giovanni Impastato, di ‘Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato’ di Cinisi, a Palermo, e Santi Palazzolo, maestro pasticciere anche lui di Cinisi. L’associazione da quasi 20 anni opera nello slum Deep Sea di Nairobi in Kenya e insieme alla Casa Memoria collabora per il progetto ‘Diritti allo studio e Legalità’, portando nelle scuole il valore della dignità dell’uomo e della difesa dei diritti negati. L’evento riguarda anche scuole e studenti di Venezia: infatti domani, martedì 17 aprile, la Onlus e ‘Casa Memoria’ terranno lo stesso evento finale del progetto “Diritti Negati” presso l’Aula Magna dell’Università IUAV di Venezia.  Gli studenti dei licei coinvolti nel progetto presenteranno gli elaborati realizzati durante l’anno scolastico sulla tematica dei Diritti Negati. Sarà un’opportunità di confronto, di riflessione e crescita. Obiettivo dell’evento è proporre ed interagire con testimonianze dirette di Diritti Negati per stimolare nelle nuove generazioni coscienze critiche ed attente verso le ingiustizie sociali e stimolarli alla partecipazione attiva.
16 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»