Migranti. Renzi: “Aiuto ai Paesi partner in cambio di impegni precisi”

matteo renziROMA – Matteo Renzi propone alle istituzioni comunitarie di seguire con i paesi partner il modello dell’accordo tra Turchia e Unione europea per fronteggiare l’emergenza migranti. “Il nostro non-paper e’ centrato sull’idea di sviluppare un modello di offerta ai Paesi partner all’interno del quale alle misure proposte dalla UE (supporto finanziario e operativo rafforzato) corrispondono impegni precisi in termini di efficace controllo delle frontiere, riduzione dei flussi di migranti, cooperazione in materia di rimpatri/riammissioni, rafforzamento del contrasto al traffico di esseri umani. Molto si può già fare rifocalizzando verso i paesi prioritari risorse e strumenti esistenti e migliorandone la governance; ma occorre andare oltre prevedendo nuove e innovative fonti di finanziamento utili per coprire i costi futuri dell’accordo con la Turchia”.

In particolare, “sara’ fondamentale finanziare e gestire a livello europeo 1) un piano d’azione straordinario di rimpatri; 2) supporto legale, logistico, finanziario e infrastrutturale per la gestione dei flussi migratori nei paesi partner anche attraverso uno screening accurato in loco tra rifugiati e migranti economici”.

16 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»