Lavoro, ‘recruiting’ nelle aziende: tra digitale e fattore umano

ROMA – Aziende e recruiting, come il digitale influenza il reclutamento nelle aziende. Se ne è parlato in un convegno che si è tenuto a Roma, promosso da Indeed. Attraverso il contributo di C-Level provenienti da multinazionali e top company italiane si è cercato di capire come il digitale influenza il processo di recruiting all’interno delle aziende e come poter sfruttare tutte le opportunità offerte dalla tecnologia per rivoluzionare le attività di reclutamento.

La strada digitale del recruiting “è un tema attuale, che ci proietta in un mondo quasi cibernetico. Il punto importante è che dobbiamo attingere dalla tecnologia, ma guardando il futuro dal mio punto vista avrà sempre più importanza la figura dell’uomo. Il fatto di usare la tecnologia per il recruiting può andare bene ma il fattore umano sarà sempre più importante. Vediamo la figura dell’operaio che non esisterà più, avremo la necessità di avere tecnici con sempre maggiori competenze, sempre più connessi con il mondo circostante e con quello che può essere il mondo produttivo” ha detto Francesco Blasi, Human Resources di Komatsu Italia Manufacturing.
Le Aziende di successo sono costantemente impegnate a ripensare i propri processi in funzione dell’evoluzione della tecnologia e dei bisogni del proprio business.

Tecnologia e recruiting

Lo stesso principio guida l’evoluzione della funzione HR che è chiamata oggi ad innovare e ripensare le proprie attività in funzione di un contesto (economico, sociale e tecnologico) in forte cambiamento. La funzione recruiting appare fortemente influenzata da elementi legati a variabili tecnologiche, economiche e sociali che creano un nuovo contesto all’interno del quale le aziende si muovono per reclutare nuove risorse. Employer Branding, Talento, Social Network, Engagement, Millennials, ogni elemento della funzione recruiting sembra oggi in discussione alla luce di un nuovo scenario fortemente influenzato da variabili tecnologiche.
In questo contesto il fattore umano veste, sempre di più, i panni di asset strategico in quanto elemento capace di determinare larga parte del vantaggio competitivo ricercato dal business. Se fattore umano e tecnologia sono gli elementi distintivi dell’economia in cui viviamo allora appare lecito domandarsi come la funzione HR può mettere a sistema questi due elementi per rinnovare il proprio processo di recruiting.

16 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»