Demanio marittimo, Rossi: "Preoccupano le decisioni dell'UE" - DIRE.it

Calabria

Demanio marittimo, Rossi: “Preoccupano le decisioni dell’UE”

costa rivieraREGGIO CALABRIA – L’Assessore regionale all’Urbanistica della Calabria, Franco Rossi, in una dichiarazione si è soffermato sulla decisione che la Corte di Giustizia Europea dovrebbe adottare, in tempi brevi, sulla legittimità della proroga fino al 2020 della durata delle concessioni demaniali marittime. 

   “La Calabria – ha detto l’assessore Rossi – condivide con le altre regioni italiane, cui da tempo è stata trasferita la gestione del demanio marittimo, le preoccupazioni dei concessionari e dei cittadini per l’incertezza che avvolge l’intera questione. Le Regioni chiedono di contribuire al lavoro di governo e parlamento per giungere ad un quadro normativo che risulti coerente con i principi comunitari e, al tempo stesso, garantisca prospettive alle attività economiche e sociali che utilizzano il demanio marittimo, dal comparto balneare fino ai porti turistici, alla pesca, all’acquacoltura  alla cantieristica navale. In Calabria stiamo chiedendo agli operatori del settore di partecipare da protagonisti al rilancio delle nostre coste, un rilancio fatto di attenzione, di salvaguardia ambientale di valorizzazione economica”.
   “Per questo- prosegue- nella riunione del Tavolo Interregionale sul Demanio Marittimo delle scorse settimane ho manifestato perplessità per l’ipotesi di una proroga trentennale delle concessioni che l’Europa  boccerebbe inesorabilmente, ma al contempo ho sostenuto le ragioni degli imprenditori  sul tema della sicurezza dei loro investimenti.  Il grande patrimonio ambientale costituito dal mare e dalle coste calabresi richiede un deciso cambio di passo e prospettiva. Abbiamo dato un impulso nuovo ai piani spiaggia comunali e chiamato gli imprenditori ad essere soggetti attivi insieme agli enti locali e alle organizzazioni dei cittadini. Dobbiamo far si  che questo impegno venga riconosciuto ed abbia le necessarie garanzie”.
16 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»