Lazio

Al Bioparco arriva Tila, la tigre di Sumatra

f0d337fb315d32dca927ba209863048a

ROMA – Al Bioparco di Roma è arrivata Tila, femmina di tigre di Sumatra sottospecie ad altissimo rischio di estinzione: in natura ne sopravvivono circa 400.

“Tila è nata nel 2011 allo Zoo di Chester (Inghilterra)- racconta il presidente della fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccia- e proviene dallo Zoo di Heidelberg, in Germania. Ad attenderla nell’ampia area dedicata a questi splendidi felini, inaugurata la scorsa estate, c’è il maschio Kasih, di quasi due anni. Al momento i due animali sono ospitati in due recinti attigui, presto condivideranno uno spazio unico; il processo di introduzione è delicato ed imprevedibile. I guardiani del reparto carnivori monitorano costantemente la coppia per studiarne i comportamenti e identificare le interazioni positive che- conclude- aumentano giorno dopo giorno”.

Il Bioparco è l’unica struttura italiana ad ospitare la tigre di Sumatra, grazie ad un programma europeo di conservazione (Eep-European endangered species programme) che ha l’obiettivo di contribuire alla salvaguardia in natura di questo felino, evitandone dunque la totale estinzione. Per dare il benvenuto a Tila, domenica 20 marzo al Bioparco si svolgerà la giornata-evento ‘Primavera con le tigri’, con attività a tema per tutta la famiglia, come le Tigriadi – olimpiadi delle tigri, divertenti giochi di squadra per tutta la famiglia per scoprire caratteristiche e curiosità sulla tigre di Sumatra: perché ha il mantello striato? Cosa mangia e come caccia le sue prede? Presso l’area delle tigri gli operatori didattici sveleranno curiosità e aneddoti sulla coppia di tigri. I bambini potranno inoltre partecipare al laboratorio creativo ‘Realizza la tua impronta’, per ‘fabbricare’ la propria impronta di tigre da portare a casa in ricordo della giornata. Da non perdere, infine, il trucca-bimbi per trasformarsi in piccole tigri o nel proprio animale preferito.

16 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»