AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Tariffe più alte per l’occupazione di suolo pubblico a Firenze

cosap firenzeTariffe più alte per chi userà la bellezza di Firenze a scopi commerciali. Lo stabilisce la modifica al regolamento sulla Cosap, il canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, approvato dalla giunta di Palazzo Vecchio venerdì scorso.

La proposta di delibera- che dovrà passare all’esame del Consiglio comunale- si struttura si tre elementi. Il primo, la road-map, le due fasce del centro storico fiorentino su cui applicare il nuovo prezzario. La seconda, l’impennata dei prezzi: per piazza della Signoria, piazzale degli Uffizi, piazza San Firenze, piazza Santa Croce, piazza Duomo, piazza San Giovanni, via Martelli, piazza della Repubblica, piazza Strozzi, via Tornabuoni, ponte Santa Trinita, ponte Vecchio e piazza Pitti viene fissato un moltiplicatore di 2,25 che farà scattare la tariffa dagli attuali 2,09 euro a 10,458 euro al metro quadro al giorno. Per piazza Santissima Annunziata, piazza Santa Maria Novella, borgo Ognissanti, piazza Santo Spirito, parco delle Cascine e piazzale Michelangelo il moltiplicatore fissato è di 1.35 in modo da portare da 2,09 euro a 6,274. Per gli eventi privati che limitino l’accesso all’area: in questo caso la tariffa sarà fissata dalla giunta sulla base della natura dell’evento e dei benefici per l’organizzatore. Le modifiche al regolamento, tuttavia, stabiliscono l’asta sotto il quale non è possibile scendere: un coefficiente moltiplicatore rispettivamente di 4,5 per la prima fascia e 2,7. Su Ponte Vecchio si passa, quindi, da 2,09 a 20,916 euro a metro quadro.

“Si tratta- spiega l’assessore allo sviluppo economico, Giovanni Bettarini- di un aumento importante” ma “abbiamo approvato in giunta un bilancio in cui non si aumentano le tasse ai cittadini, per questo abbiamo messo in pratica dei sistemi per far quadrare i conti: come lo sfruttare le possibilità per creare reddito date dalla città”. In questa logica “non sono comprese le iniziative culturali, quelle benefiche, i centri commerciali naturali che ovviamente beneficeranno delle stesse tutele. La cosa che cambiamo sono i costi del suolo pubblico per le iniziative commerciali e promozionali dei privati: la bellezza di Firenze al servizio di un privato si paga”.

16 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988