Mussoni: conferenza del Pdcs sia tappa verso il congresso

Francesco_MussoniSAN MARINO – La conferenza programmatica del Pdcs è “un’inizio del dibattito” in cui “il partito deve capire dove si trova e quale prospettiva vuole avere”. Francesco Mussoni, segretario di Stato per la Sanità, interpellato a margine di una conferenza stampa, illustra quali sono le sue aspettative rispetto la conferenza programmatica del Pdcs di questo fine settimana.

Di fatto all’appuntamento del fine settimana il partito è giunto a seguito delle sollecitazioni mosse lo scorso novembre dallo stesso Mussoni insieme al collega Teodoro Lonfernini, al Consiglio centrale scudocrociato per anticipare il congresso generale ai primi mesi del 2016, a seguito degli sviluppi giudiziari avviati dall’inchiesta del Conto Mazzini e dell’esplodere della questione morale.

“Quando abbiamo chiesto al partito un dibattito interno- spiega Mussoni- non era programmato un momento politico importante come quello che celebreremo”, in questo senso “la nostra iniziativa-prosegue- ha avuto il merito di aprire un confronto forte dentro il partito che continuerà dopo la conferenza programmatica”.

Per Mussoni infatti tuttora “non è possibile sottovalutare il momento sociale e politico del Paese che non è ordinario”, né tanto meno la questione morale che “ha aperto temi nuovi”. Perciò dalla conferenza “mi aspetto un momento unificante del partito sulle cose da fare- puntualizza- ma mi aspetto anche temi del congresso politico del Pdcs a cui si deve arrivare in tempi ragionevoli”. Tra le cose da fare, c’è in primis “il rilancio dell’azione politica e della dirigenza- sottolinea Mussoni- che si fa nella sede opportuna”. L’appuntamento del fine settimana quindi “è una tappa di avvicinamento al congresso- precisa Mussoni- per cui dovremo avere la capacità di fare un’analisi della situazione politica, non solo dei temi di azione della maggioranza”.

di Cristina Rossi, giornalista professionista

16 Feb 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»