Friuli Venezia Giulia

Formazione. Panariti: “Al via corsi per europrogettisti”

regione-fvg-sedeTRIESTE – Due corsi, da qui al mese di giugno, rivolti a giovani laureati interessati ad acquisire le competenze e conoscenze utili a proporsi sul mercato del lavoro nella funzione di “europrogettista”: è l’iniziativa promossa dall’Assessorato regionale al Lavoro e alla Formazione del Friuli Venezia Giulia.

   La sperimentazione, voluta dall’assessore Loredana Panariti, prenderà avvio domani 17 febbraio a Trieste con un primo corso cui parteciperanno 25 giovani che hanno superato una fase di selezione richiesta da un numero di adesioni superiore ai posti disponibili. Una seconda edizione è prevista a Udine a partire dalla fine del mese di marzo.

   Il percorso si articola in 80 ore di formazione sviluppate da personale interno all’Amministrazione regionale che ha acquisito esperienza e competenze nelle tematiche trattate; la docenza si svolge nell’ambito dell’ordinaria attività di lavoro, senza oneri finanziari aggiuntivi per il bilancio regionale.

   L’iniziativa mira ad assicurare un’adeguata formazione agli “europrogettisti”, a coloro cioè che sono chiamati a muoversi nell’universo articolato e, per molti aspetti, complesso della programmazione europea, per essere in grado di dare la corretta lettura ai bandi Ue, tradurla in progetti capaci di superare le fasi di selezione e conseguire il finanziamento.

   “L’attivazione dei corsi – ha rilevato l’assessore Panariti – è coerente con l’attenzione speciale dedicata a quella fascia di giovani che trova difficoltà nell’accesso al lavoro e che può trovare nuovi spazi nelle opportunità dell’Unione europea per la realizzazione di progetti sul territorio”.

   “L’auspicio – ha concluso Panariti – è quello di una positiva sperimentazione che consenta ripetizioni dell’esperienza aperte anche a quelle fasce della popolazione non ricomprese in questa fase inaugurale”.

16 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»