Trussardi a Veneto Sviluppo, Zaia: "Ci giochiamo tutto" - DIRE.it

Veneto

Trussardi a Veneto Sviluppo, Zaia: “Ci giochiamo tutto”

VENEZIA – “Con Veneto Sviluppo ci giochiamo tutto“. Lo dichiara il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, presentando il nuovo consiglio d’amministrazione di Veneto Sviluppo, selezionato in parte dal consiglio regionale e in parte dai nove gruppi bancari che fanno parte della società.

“La sfida è particolarmente complicata- continua Zaia- in quanto il Veneto sta cambiando pelle e bisogna riuscire a creare il terreno fertile per gli imprenditori di domani, altrimenti entro 15 anni ci troveremo con un tessuto sociale completamente diverso, senza più partite Iva né imprenditoria. La sfida è quindi quella di fornire le garanzie. In un momento storico in cui il denaro costa poco e i tassi sono in picchiata, bisogna dare l’accesso al credito”.

luca zaiaZaia è soddisfatto del cda che ha “curriculum degni di una multinazionale quotata in borsa, e si impegnerà con professionalità a risolvere i problemi in modo chirurgico. Non promettiamo miracoli né bacchette magiche– conclude il governatore veneto- ma una leva di oltre un miliardo e mezzo di euro e un ruolo di garanzia per ottenere risultati. Il passato consiglio d’amministrazione, che ringrazio, ha permesso la nascita di oltre 15 mila imprese. Questo farà di meglio”.

Presidente del nuovo consiglio d’amministrazione della finanziaria regionale è Massimo Trussardi, mentre vice sarà Francesco Giacomin. I consiglieri sono Andrea Antonelli, Luigi Barbieri, Antonio Rigon, Simonetta Acri, Pietro Codognato, Leonardo Colle, Patrizia Geria, Francesco Giovannucci, Lepoldo Mutinelli, Giansandro Todescan e Donatella Vernisi, mentre il collegio sindacale è composto da Nicola Cecconato, Cinzia Giaretta ed Enzo Nalli. “Vi invito a guardare i loro curriculum vitae online, abbiamo seguito la strada meritocratica- dice Zaia- sono professionisti che rappresentano il gotha della finanza regionale”.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

16 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»