Sanità

Camusso: “Nel Lazio situazione difficile”

S. Camusso

S. Camusso

ROM – Quella della sanità del Lazio “è una situazione difficile, soprattutto perché mancano gli organici, si continua a vivere di blocco del turnover, c’è troppa poca programmazione riferita alla salute”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, arrivando all’ospedale Eastman per partecipare a un’assemblea della Cgil sulla sanità.

Non si investe più nel sistema sanitario nazionale. Continuiamo a fare, anche in questa regione, una discussione che non si pone il problema degli organici e delle assunzioni- ha aggiunto Camusso- non si tira una riga per valutare gli effetti di esternalizzazione e parcellizzazione e si agisce sui servizi pubblici, soprattutto quello sanitario, come una spesa da contrarre”.

DI COLA: LAZIO IN ‘CODICE ROSSO’, DOMANI PROTESTA A MINISTERO – “Domani insieme a Cisl e Uil saremo davanti al ministero della Salute, insieme ai lavoratori della sanita’ pubblica e privata, per denunciare il ‘codice rosso’ in cui si trova il servizio sanitario regionale”. Lo ha annunciato il segretario della Fp Cgil di Roma e Lazio, Natale Di Cola, che sta partecipando all’assemblea della Cgil in corso all’ospedale Eastman. “La situazione non e’ più sopportabile, abbiamo tante crisi nel privato, ultima l’Israelitico- ha aggiunto Di Cola- Chiederemo al governo di permettere alla Regione Lazio di fare assunzioni e ci sono carenze di organico di interi reparti. Chiederemo anche la possibilita’ di sbloccare la contrattazione integrativa e regole per stabilizzare i precari”. Di Cola ha infine sottolineato che “saremo in piazza anche per chiedere il rinnovo del contratto collettivo nazionale. Senza risposte immediate si andra’ verso lo sciopero”.

16 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»