Nucleare, Sogin: “Vincoli in Italia stretti, conseguenze su tempi e costi”

nucleare

ROMA – Rispetto alla gestione del decommissioningin Italia ci sono vincoli più stretti“, e “non voglio mettere la polvere sotto al tappeto ma ciò ha conseguenze su tempi e costi”. Giuseppe Zollino, presidente di Sogin, lo dice intervenendo al convegno ‘La gestione dei rifiuti radioattivi e il sistema dei controlli. Esperienze a confronto tra Francia, Spagna e Italia’, alla sala ‘Aldo Moro’ di Montecitorio e promosso dalla stessa commissione.

“I volumi da gestire sono quelli”, spiega Zollino riferendosi alle cifre fornite nel corso del convegno (30mila metri cubi gia’ prodotti e presenti nei siti, 40mila mc dallo smantellamento delle centrali, mille mc dal riprocessamento del combustibile, 500 mc prodotti ogni anno da attività varie, ndr), ci sono “rifiuti pregressi legati all’attività delle centrali e al loro mantenimento in sicurezza”, gestiti con “procedure già oggi molto rigide di trattamento e conservazione”: insomma, “li coccoliamo i nostri rifiuti“. Ciò detto, “Sogin non ha nessun interesse a fare le cose male e ha tutto interesse a farle in fretta”, spiega il presidente della società pubblica, “e chi governa Sogin ha tutto l’interesse a creare le condizioni perché si faccia in fretta, ma sulla qualità posso garantire la massima attenzione”. Insomma, anche alla luce del fatto che, per la natura centenaria e millenaria del problema delle scorie “lo smantellamento si può fare con costi tendenti a infinito”, conclude Zollino, “ma le responsabilità non può averle solo Sogin, è tanto grande il problema che la situazione è da sbrogliare e rimettere insieme” con la collaborazione di tutti.

16 Febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»