Welfare

Lavoro, Inps: +764.129 contratti a tempo indeterminato nel 2015

lavoro

Nel 2015 la crescita delle posizioni di lavoro dipendente è stata trainata dall’incremento dei contratti a tempo indeterminato (+764.129 rispetto a fine 2014). A determinare tale incremento hanno concorso sia le assunzioni che le trasformazioni. E’ quanto emerge dai dati diffusi dall’Osservatorio del precariato dell’Inps.

Nel 2015 la percentuale dei nuovi rapporti di lavoro attivati/variati a tempo indeterminato sul totale dei rapporti attivati/variati è stata del 41% rispetto al 32% del 2014. Per i giovani fino a 29 anni, questa quota è passata dal 24,5% al 33,6%.

Sul totale delle attivazioni di posizioni di lavoro con contratto a tempo indeterminato (oltre 2,4 milioni sommando assunzioni e trasformazioni) quelle che risultano beneficiarie degli sgravi contributivi sono pari a 1,44 milioni, (61% del totale). Le attivazioni con esonero sono perciò quasi il doppio dell’incremento sul 2014 registrato da assunzioni e trasformazioni in contratti a tempo indeterminato.

16 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»