Tg Lazio, edizione del 16 gennaio 2019

Si parla di: Clochard morti per freddo a Roma, Raggi pensa a ordinanza; Rifiuti, Costa: Entro un mese ci sarà piano regionale

CLOCHARD MORTI PER FREDDO A ROMA, RAGGI PENSA A ORDINANZA

Indurre i clochard ad accettare la proposta di accoglienza presso le strutture del Comune quando le temperature scendono molto. A questo sta lavorando la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha chiesto all’Avvocatura Capitolina e agli uffici competenti un approfondimento riguardo la possibilita’ di definire un’ordinanza finalizzata a indurre le persone senza dimora ad accettare l’accoglienza. Nei giorni scorsi, a causa del freddo, hanno perso la vita diversi clochard, alcuni dei quali avevano rifiutato l’offerta di un rifugio per la notte.

RIFIUTI, COSTA: ENTRO UN MESE CI SARA’ PIANO REGIONALE

“La Regione Lazio entro un mese chiudera’ il piano regionale dei rifiuti. Finalmente la transizione del sistema di gestione comincia a vedere la luce”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, rispondendo oggi alla Camera a un’interrogazione sull’emergenza rifiuti a Roma. Costa ha spiegato che “l’individuazione degli impianti e’ una competenza mista tra Comune e Citta’ metropolitana” e che il ministero sta “prestando l’assistenza tecnica necessaria” a risolvere la situazione.

ROMA, DONNA 56ENNE ALLA GUIDA AUTO PIRATA CHE HA UCCISO NEREO

E’ una donna italiana di 56 anni il pirata della strada che ha investito e ucciso lo scorso 7 gennaio, in Corso d’Italia, il senza fissa dimora Nereo Gino Murari. Partendo dalle analisi di un filmato, la Polizia Locale e’ riuscita a individuare il modello dell’auto responsabile dell’omicidio stradale, che e’ risultata essere una Smart di colore scuro. La donna e’ stata quindi fermata e a seguito dell’interrogatorio le e’ stato contestato il reato di omicidio stradale, con fuga e omissione di soccorso.

ROMA, ACI: DAL 2010 MENO MORTI IN MOTO, MA BUCHE PRIMA CAUSA

Dal 2010 ad oggi gli incidenti stradali che hanno coinvolto moto e scooter a Roma sono diminuiti del 38% e i morti del 40%. Le buche, pero’, sono il primo fattore di rischio. E’ quanto emerso dal rapporto sulla sicurezza stradale presentato oggi dall’Aci. Secondo i dati diffusi, ogni anno si contano oltre 5 mila incidenti, circa quattordici al giorno, con una media di trenta morti l’anno. Inoltre il 50% degli oltre 393 mila veicoli a due ruote circolanti a Roma non e’ in regola con la revisione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

16 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»