Potenza, presentati i lavori per la fibra ottica

Fibra ottica entro il 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Il capoluogo della Basilicata sara’ entro il 2020 “citta’ smart connessa con il resto del mondo” in modo da supplire in questo modo “alle storiche carenze infrastrutturali”. Questo in sintesi il messaggio lanciato oggi nella Sala dell’Arco del palazzo del Comune di Potenza dal sindaco Dario De Luca e dall’assessore alle opere pubbliche Sergio Potenza alla conferenza di presentazione dell’avvio dei lavori per il cablaggio e realizzazione dell’infrastrutturazione della fibra ottica in tutto il territorio comunale.

L’opera verra’ realizzata dalla ‘Open fiber’ con un costo a proprie spese di circa 7,5 milioni di euro. L’azienda poi affittera’ la rete agli storici gestori della telefonia. Ha spiegato i dettagli Luigi Lambiasem city manager della ‘Open fiber’: “La rete in via di realizzazione a Potenza permette di abilitare servizi a prova di futuro che vanno a beneficio dell’intera collettivita’: parliamo nello specifico di telemedicina, telelavoro, educazione a distanza, industria 4.0, domotica e tanto altro. Si tratta quindi di un passaggio fondamentale verso la Gigabit society”.

Sull’operazione cittadina, Lambiase ha aggiunto: “La convenzione stipulata col Comune contempla, tra l’altro, la posa di fibra spenta in 50 sedi pubbliche tra cui biblioteche, musei, uffici municipali ma anche punti per la videosorveglianza a scelta della stessa amministrazione che potra’ cosi’ avvicinarsi ancora di piu’ ai cittadini attraverso l’erogazione di servizi all’avanguardia”. I lavori partiranno nel prossimo mese di aprile e l’obiettivo “e’ quello di chiudere i i cantieri entro 18 mesi e cioe’ entro la fine del 2020”. Oltre all’intervento privato sono previsti anche interventi del pubblico nelle zone a nord della citta’ di Potenza per garantire la copertura del servizio anche nelle periferie che altrimenti rimarrebbero scoperte.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»