Amazon. Gli ispettori del lavoro non mollano la presa, i sindacati neppure

Le ispezioni nel magazzino di Piacenza hanno fatto venire a galla una discreta 'patata bollente': 1.951 lavoratori che andrebbero assunti in pianta stabile dal colosso dell'e-commerce
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Ispettorato del lavoro non molla la presa su Amazon a Piacenza. “C’è un’attività di controllo non ancora conclusa che sta proseguendo e per questo non posso dire altro di più”, conferma Stefano Marconi, responsabile dell’Ispettorato interregionale del lavoro per l’Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche e Veneto. Ma del resto, è ‘naturale’ che sia così, precisa: la “logistica è un settore dove continuano le nostre ricerche e Amazon ne fa parte”.

LEGGI ANCHE:

Amazon taglia i precari da riassumere, il governo invia gli ispettori

Amazon, lavoro di notte? Solo 4 volte al mese nel letto di casa

Amazon, sale a 1.950 il numero degli addetti da assumere

Di certo le ispezioni nel magazzino di Castel San Giovanni, a Piacenza, hanno fatto venire a galla una discreta ‘patata bollente’: 1.951 lavoratori che andrebbero assunti in pianta stabile dal colosso dell’e-commerce, stando appunto all’esito delle verifiche scattate dopo lo sciopero nel Black Friday di un anno fa.

Eppure, come confermato anche dal Governo, le assunzioni che dovrebbero andare a ‘sanare’ l’eccessivo ricorso a personale in somministrazione a Piacenza non si sarebbero ancora concretizzate e anzi l’azienda non richiama chi avrebbe diritto al posto fisso nemmeno per incarichi a termine.

E proprio di tutto questo dopodomani si tornerà a parlare in un incontro in Confcommercio tra l’azienda e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltuc-Uil e Ugl terziario. Sul tavolo anche l’accordo sull’organizzazione del lavoro raggiunto la scorsa primavera ma che “a nostro parere non è stato rispettato”, racconta alla ‘Dire’ Pino De Rosa (Ugl terziario).

I problemi sono i ‘soliti noti’ ma “Amazon fa finta di non ascoltare”: la turnazione notturna non rispettata, le mancate assunzioni dei somministrati e il premio ai dipendenti. In particolare, il caso dei somministrati che “sta diventando paradossale”, dice De Rosa: è tutto fermo. Amazon di assumere “se ne infischia altamente tanto che abbiamo iniziato con le cause legali”.

I sindacati hanno chiesto ad Amazon di i dati dei somministrati dall’inizio dell’anno all’incontro di lunedì così da poter aiutare i lavoratori nelle pratiche di ‘riscatto’. Almeno un margine di dialogo sembra esserci.

Il colosso dell’e-commerce avrebbe inviato una lettera alle sigle dicendo che al prossimo incontro si parlerà anche di “questa questione”. E l’Ugl promette che “se lunedì non avrà i numeri scriverà direttamente al ministero del Lavoro per avere immediatamente un’altra ispezione”.

Nel frattempo l’azienda “continua a fare manifesti in giro vantandosi di aver assunto in Italia più di 2.000 persone”, ma questo è solo un modo “per attirare nuove proposte per lavorare con loro, un meccanismo che non rappresenta la realtà”, conclude De Rosa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»