Carcere di Firenze, il riscaldamento è rotto: la Regione manda le coperte

Quattrocento coperte sono state inviate dalla Regione Toscana e dalle Misericordie per alleviare il disagio dei detenuti del carcere di Sollicciano a Firenze, a causa di un guasto all'impianto di riscaldamento.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Quattrocento coperte sono state inviate dalla Regione Toscana e dalle Misericordie per alleviare il disagio dei detenuti del carcere di Sollicciano a Firenze, a causa di un guasto all’impianto di riscaldamento. L’iniziativa è del presidente della Regione, Enrico Rossi, che si è attivato assieme alla Protezione civile regionale e la alla federazione regionale delle Misericordie della Toscana.

“Duecentocinquanta coperte arriveranno grazie alla Protezione civile regionale- spiega Rossi- e altre centocinquanta dalle Misericordie, grazie all’interessamento del presidente Corsinovi”.

Il governatore chiama in causa il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede: “Sappiamo tutti qual è la situazione di disagio che vivono i detenuti nella maggior parte delle strutture penitenziarie italiane però ci chiediamo- aggiunge-, perciò cosa stia facendo il ministro Bonafede per migliorare una situazione molto delicata, essendo, Sollicciano come il resto delle carceri italiane, strutture che ricadono nella sua competenza”.

Il presidente Rossi annuncia che sabato prossimo farà visita al carcere fiorentino insieme al garante regionale per i diritti dei detenuti Franco Corleone.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»