"Così Volkswagen collaborava con la dittatura in Brasile" - DIRE.it

Mondo

“Così Volkswagen collaborava con la dittatura in Brasile”


ROMA – “La sussidiaria brasiliana della Volkswagen, Volkswagen do Brasil, mostrava lealtà senza alcuna riserva verso il regime militare“: la denuncia è contenuta in uno studio commissionato dalla stessa casa automobilistica tedesca.

“Nonostante non abbia avuto alcun ruolo nel colpo di stato che ha rovesciato il governo legittimamente eletto – si legge nel documento – la compagnia riteneva che l’istituzione di un regime dittatoriale sempre più oppressivo fosse uno sviluppo inequivocabilmente positivo“.

“Volkswagen do Brasil condivideva completamente gli obbiettivi economici e di politica interna della giunta militare” ha detto Christopher Kopper, storico dell’università Bielefeld che ha condotto la ricerca.

“I vertici tedeschi dell’azienda a Wolfsburg erano al corrente della repressione politica e sociale messa in atto dalla dittatura militare, ma minimizzavano la cosa come una situazione inevitabile, in pieno stile colonialista” ha continuato Kopper.

Il documento è stato presentato allo stabilimento di Volkswagen do Brasil di Sao Bernardo do Campo, vicino San Paolo, alla presenza del vicepresidente della Volkswagen per il sudamerica e il Brasile, Pablo Di Si, che ha dichiarato: “Non abbiamo nulla da nascondere. Abbiamo presentato lo studio al ministro della Giustizia brasiliano nella maniera più trasparente possibile. Accettiamo le scoperte che sono emerse e siamo profondamente rammaricati per quanto avvenuto“.

15 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»