Le terme di Porretta riaprono il 27 marzo, per Pasqua - DIRE.it

Emilia Romagna

Le terme di Porretta riaprono il 27 marzo, per Pasqua

terme_fanghi

BOLOGNA –  Le Terme di Porretta riapriranno per Pasqua (che quest’anno cade il 27 marzo). L’annuncio è stato dato oggi in commissione in Città metropolitana riunita a Palazzo Malvezzi per un approfondimento appunto sulla situazione delle Terme di Porretta.

Erano presenti anche Massimo Gnudi, vicesindaco metropolitano con delega alle Politiche per l’Appennino; Benedetto Zacchiroli consigliere metropolitano allo Sviluppo economico e sociale, Gherardo Nesti, sindaco di Porretta Terme; Giuseppe Nanni e Marcello Labanti, sindaco e vicesindaco di Granaglione, e una rappresentanza di Tema, società aggiudicataria dell’asta per il complesso delle terme.

“Accolgo con grande favore l’annuncio della riapertura a breve delle terme nel prossimo periodo pasquale non appena conclusi i primi lavori di risistemazione della struttura. Si tratta di un risultato importante, che potrà determinare condizioni favorevoli a lungo termine, con l’opportunità di operare in sinergia con altri soggetti, pubblici e privati, proseguendo nel rapporto di attenta e fiduciosa collaborazione”, dice Gnudi. E pensa “alle opportunità offerte dalle risorse dei Fondi strutturali e di investimento europei che possono essere utilizzati per rendere più attrattiva la nostra realtà territoriale, specie in questo momento di grande difficoltà di importanti realtà produttive a tutti note”. Gnudi invita quindi Tema, “e tutti coloro che sono interessati a fare fronte comune per il rilancio del territorio, alle ulteriori occasioni di approfondimento in programma”: mercoledì 13 gennaio alla Rocchetta Mattei, nell’ambito degli incontri preparatori al Piano strategico metropolitano: venerdì 22 gennaio alla “Conferenza per la montagna”, in vista della costruzione del Programma regionale per la montagna, per il quale la Regione ha stanziato sei milioni di euro per il 2016.

15 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»